cerca CERCA
Sabato 10 Aprile 2021
Aggiornato: 00:09
Temi caldi

Recovery, Fracassi (Confindustria Abruzzo): "Non risponde ad aspettative Ue, va modificato"

25 gennaio 2021 | 19.40
LETTURA: 1 minuti

alternate text
Marco Fracassi, presidente Confindustria Abruzzo

"E' chiaro che il Recovery Plan così com'è non risponde alle aspettative nè dell'Unione Europea, nè di Confindustria. Ed è quello che abbiamo detto oggi al governo. E' necessario lavorare, e tanto, per modificarlo mettere a punto degli interventi specifici che noi oggi abbiamo indicato per la ripresa del nostro sistema produttivo". Così il presidente di Confindustria Abruzzo, Marco Fracassi, con Adnkronos/Labitalia, sul Recovery plan e sull'incontro di oggi tra Confindustria e il premier Giuseppe Conte.

Per Fracassi "la crisi di governo che stiamo vivendo è incredibile e assurda. In un momento in cui tutte le forze dovrebbero essere concentrate per la redazione del Recovery Plan da consegnare all'Europa, noi invece ci troveremo impegnati nelle prossime nella caccia al Ciampolillo di turno".

"Stiamo dando l'idea di un Paese -continua Fracassi- che si concentra su altro e non è attento a vicende fondamentali come ad esempio quella dei vaccini. E' inconcepibile", aggiunge.

Per Fracassi è chiaro invece che ci serve "un governo forte e stabile, per redigere nei tempo stabiliti un Recovery plan che risponda ai nostri desiderata che poi sono quelli del Paese", sottolinea Fracassi.

E sul tema "dei ristori è centrale" e, sottolinea, "va affrontato velocemente. Ci sono tantissime attività d'impresa in fase di stallo. Anzi ci sono aziende che in questo momento sono come degli 'zombie' legate a due date fondamentali: 31 marzo, che è il termine fissato per lo stop dei licenziamenti, e il 30 giugno con la moratoria dei crediti. Dopo non si sa quale sarà il loro destino", conclude.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza