cerca CERCA
Domenica 28 Novembre 2021
Aggiornato: 08:31
Temi caldi

Ricerca: Garattini, in Italia abbandonata e umiliata

11 febbraio 2014 | 16.27
LETTURA: 2 minuti

Milano, 11 feb. (Adnkronos Salute) - Il caso Stamina, così come certi estremismi nelle proteste contro la sperimentazione animale, sono "esempi di come in Italia la ricerca sia stata abbandonata e umiliata. Intesa come una spesa e non come un investimento necessario al progresso del Paese, e non sufficientemente comunicata al grande pubblico". E' la riflessione di Silvio Garattini, direttore dell'Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano, in occasione della laurea honoris causa in Chimica e tecnologia farmaceutiche ricevuta oggi dall'università degli Studi di Milano, durante la cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico 2013-2014.

"E' un riconoscimento che ho molto apprezzato", spiega lo scienziato all'Adnkronos Salute. Nonostante la laurea in Medicina a Torino, "considero la Statale di Milano la mia casa, la mia università, dove sono stato prima studente e poi aiuto prima di iniziare l'avventura 'Mario Nagri'". Durante la relazione nell'affollata Aula magna di via Festa del Perdono, "ho voluto richiamare il mondo dell'accademia, tutti gli enti di ricerca e le organizzazioni non-profit che se ne occupano - invita Garattini - a riprendere delle responsabilità nel campo dello sviluppo dei farmaci. Stiamo vivendo un periodo di relativa confusione, in cui il malato va rimesso al centro".

Ma il 'riscatto' della ricerca in Italia passa anche da una divulgazione corretta al grande pubblico: oggi "da un lato i media non sanno sempre distinguere fra le varie voci - osserva lo scienziato - e dall'altro noi ricercatori non sempre siamo capaci di far capire ai cittadini cosa stiamo facendo. Oppure, per paura di diventare impopolari, alcuni evitano di prendere posizioni". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza