cerca CERCA
Mercoledì 20 Ottobre 2021
Aggiornato: 04:45
Temi caldi

Sallusti: "Vicende Fini e Fontana imparagonabili, c'è cognato e cognato"

28 luglio 2020 | 17.29
LETTURA: 1 minuti

Il direttore del 'Giornale' all'Adnkronos: "Ti salvi solo se sei orfano o vedovo"

alternate text
(Fotogramma)

Il peso dei cognati? "Ti salvi solo se sei orfano o vedovo, però se questo non è possibile c'è cognato e cognato. La vicenda della casa di Montecarlo che ha travolto Gianfranco Fini e il caso camici in Lombardia che chiama in causa il governatore Fontana sono imparagonabili. Perché il cognato di Fontana è un imprenditore di successo, quello di Fini era un vagabondo senza arte né parte, Fontana ha messo soldi nell''affaire' mentre Fini li ha presi. E ancora, Fini non diceva niente ma lo diceva bene e Fontana dice delle cose ma le dice male". Così all'Adnkronos Alessandro Sallusti, direttore de 'Il Giornale'.

Sallusti dirigeva già 'Il Giornale' quando dieci anni fa si occupò dell'inchiesta della vicenda della casa di Montecarlo che travolse e mise fine di fatto alla carriera politica di Fini. "E' stato un grande orgoglio, soprattutto perché anni dopo si è scoperto che non solo era tutto vero ma era la punta di un iceberg - sottolinea il giornalista - perché credo sia sta l'ultima grande inchiesta fatta sul campo, non veline o verbali, tutto è stato documentato sul campo. Oggi le inchieste, come anche quella che ha coinvolto Fontana, vengono fatte per l'interesse di una parte politica o della magistratura".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza