cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 12:55
Temi caldi

Sanita': manifestazione Cri a Roma, traffico in tilt su Lungotevere

04 aprile 2014 | 13.10
LETTURA: 2 minuti

Roma, 4 apr. (Adnkronos Salute) - Circa 360 operatori della Croce rossa da tutta Italia, armati di bandiere e fischietti, sono riuniti da stamani davanti al ministero della Salute, per protestare per le sorti dell'ente e difendere stipendi e posti di lavoro. Una manifestazione annunciata ieri da Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Pa e Fialp-Cisal, cui si è unita anche l'Usb, che ha mandato in tilt il traffico sul Lungotevere.

Una delegazione dei manifestanti, fra cui Cosimo Arnone di Fp Cgil, è stata ricevuta da dirigenti del ministero della Salute e ha chiesto un incontro urgente con il ministro Beatrice Lorenzin, oggi a Bruxelles. "Il ministro ci riceverebbe dopo il 9 aprile, ossia al termine degli Stati generali della salute. Per noi è comunque tardi, anche perché questa è un'altra Electrolux, ma del pubblico impiego".

Al centro delle proteste gli effetti della privatizzazione, disciplinata dalla legge 101 del 2013, che indicava il 2014 come data d'inizio della trasformazione dei comitati locali e provinciali sulla base di un articolo inserito da un’altra legge, la 178 del 2012. La 178 però è stata modificata inserendo il 2015 in ogni punto in cui era scritto 2014. "L'intenzione del legislatore è chiara - dice Arnone - tutto deve essere rinviato al 2015". Ma la privatizzazione di fatto è già iniziata, "prima che il ministro preparasse il decreto per regolamentare i rapporti con i comitati privatizzati. Occorre un intervento chiaro del ministro", conclude Arnone, mentre l'incontro al dicastero è ancora in corso.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza