cerca CERCA
Sabato 26 Novembre 2022
Aggiornato: 08:10
Temi caldi

Sardegna: al via programma sostegno per libere professioniste e imprenditrici

14 febbraio 2017 | 14.07
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Prosegue il percorso avviato dalla Regione Sardegna per favorire misure di welfare per libere professioniste. L’iniziativa, promossa a dicembre 2016 con la pubblicazione del bando regionale 'Welfare e work life balance', per la realizzazione di misure innovative di welfare aziendale e conciliazione vita-lavoro in favore delle donne occupate, si arricchisce ora di nuovi interventi.

Si tratta di 'Impr.Int.Ing Donne', il programma operativo regionale promosso dal Fondo sociale europeo 2014-2010 e presentato oggi a Cagliari in occasione del convegno 'Lavoro femminile ed innovazione digitale', organizzato dall'assessorato al Lavoro regionale guidato da Virginia Mura.

Il bando, pubblicato sul sito della Regione Sardegna, mira a favorire la nascita di nuove realtà imprenditoriali e di lavoro autonomo e il ricambio generazionale. L’obiettivo è in particolare quello di promuovere il microcredito all’imprenditoria femminile, individuando tutti i soggetti professionalmente qualificati che possono erogare, sotto forma di voucher, servizi integrati di consulenza per la progettazione e l’avvio di nuove iniziative d’impresa e per la promozione di interventi a favore della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.

"Con l’avvio di questo bando -ha dichiarato l'assessore al Lavoro, Virginia Mura- vogliamo offrire una possibilità ai disoccupati di lunga durata e alle donne che intendono avviare o rafforzare le piccole e micro imprese, che costituiscono l’asse portante del tessuto produttivo della nostra regione. Noi -ha continuato l'assessore- vorremmo che questi soggetti si presentino sul mercato puntando su quei settori che offrono maggiori prospettive di crescita. E per far questo l’aiuto degli intermediari come gli Ordini professionali è fondamentale".

L'avviso, infatti, permette a imprese, soggetti accreditati pubblici e privati nonché ordini e associazioni professionali di offrire, attraverso le loro competenze strategiche e organizzative, un supporto alle iniziative imprenditoriali da realizzare, definendo insieme il piano d’impresa, le risorse umane da impiegare e i servizi di conciliazione da attuare per poi fare richiesta alla Regione Sardegna per il voucher, che può avere un valore massimo di 2.000 euro.

A giudicare estremamente positiva la misura adottata dalla Sardegna è la presidente del Comitato unitario delle professioni e del Consiglio nazionale dell'ordine dei consulenti del lavoro, Marina Calderone: "Nel mondo delle professioni ordinistiche vi è un crescendo di donne che necessitano già da diverso tempo di forme di tutela e di misure integrative che supportino la genitoralità, cioè che favoriscano la conciliazione dei tempi di vita-lavoro. La Sardegna -ha continuato la presidente- nota per avere un tasso di fertilità tra i più bassi d’Italia, è la prima regione ad aver messo in atto questo programma, ma mi auguro che presto anche altre Regioni decidano di seguire il suo esempio".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza