cerca CERCA
Domenica 18 Aprile 2021
Aggiornato: 22:08
Temi caldi

Sardegna, lo stilista Marras: "Solinas governatore prudente e illuminato"

19 marzo 2021 | 19.58
LETTURA: 2 minuti

"Chiudere a Pasqua per preparaci all'estate, non possiamo permetterci di replicare quanto accaduto nel 2020"

alternate text
Antonio Marras (Ipa/Fotogramma)

"Tutti pensavano, all'inizio, che Christian Solinas fosse ipocondriaco, che avesse paure e timori. Si è rivelato invece un uomo prudente, lungimirante, un governatore illuminato. Ha pensato semplicemente, e a ragione, a proteggere, a salvaguardare l'isola". E' quanto ha dichiarato all'Adnkronos lo stilista Antonio Marras sull'idea di 'blindare' a Pasqua la Sardegna da parte del presidente Christian Solinas.

"Tutti sanno che la nostra regione vive di turismo. Fonte primaria dal punto di vista economico - ha aggiunto il grande stilista, fiore all'occhiello del made in Italy nel mondo- Solinas non è certo avulso dalla realtà. Ma non possiamo permetterci di replicare quanto accaduto la scorsa estate. Un delirio totale e non soltanto in Sardegna. Abbiamo, forse, tutti sperato che la pandemia potesse finire. Ci siamo trovati, invece, dinanzi a drammatiche ricadute".

"Lo ripeto, il governatore Solinas ha fatto un lavoro egregio e corretto - ha sottolineato Antonio Marras- Io viaggio moltissimo. Milano, Roma, recentemente allo spazio Taverna, ho fatto continui tamponi, prima di poter ritornare ad Alghero, nella mia città. All'aeroporto c'è un presidio medico straordinario, controlli totali, da far impallidire ospedali famosi. Dovrebbe essere così ovunque, a mio avviso l'unica norma per permettere di arginare l'espansione del covid".

Ed a proposito della Sardegna ha proseguito Antonio Marras: "siamo un popolo, per tradizione, inclusivo e aperto. Siamo felicissimi di accogliere tutti. Ed è per questo che Solinas, in modo intelligente, ha proposto un freno per le vacanze di Pasqua per prepararsi all'estate. Chi deve venire in Sardegna arrivi pure, ma lo ripeto, che sia tamponato, con tutte le carte in regola per stare sull'isola, anche se non possiamo permetterci, ad oggi, folle di turisti".

"Questo clima di costrizione e limitazioni ti obbliga a guardare oltre - ha confessato il noto stilista - Grazie al governatore Solinas, alla Film Commission Sardegna, alla Fondazione Barumini ho potuto realizzare il video-sfilata per la Fashion week di Milano lavorando con gli autoctoni, ma anche con alcune persone arrivate dal continente. Tutti i giorni ci facevano i tamponi, durante le riprese eravamo insomma 'marcati' stretti, 150 persone sul set - ha concluso Marras - E non è successo nulla, nessun contagio. E' così che bisognerebbe, piano, piano, ricominciare ad aprire bar, ristoranti, ma anche cinema e teatri ".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza