cerca CERCA
Martedì 22 Giugno 2021
Aggiornato: 17:06
Temi caldi

Selfie con la salma di Maradona, indignazione in Argentina

27 novembre 2020 | 11.55
LETTURA: 1 minuti

alternate text

Selfie accanto alla salma di Diego Armando Maradona. E' il macabro gesto di cui si sono macchiati tre collaboratori dell'agenzia di pompe funebri Pinier, incaricata di allestire la camera ardente per il 'Pibe de Oro' all'interno della Casa Rosada. L'episodio, che ha provocato rabbia e indignazione in Argentina, è avvenuto prima che il corpo di Maradona venisse trasferito dalla sua abitazione fino al palazzo presidenziale. I due scatti incriminati hanno fatto il giro del web. Uno dei tre responsabili è già stato identificato.

Interpellato dal quotidiano 'La Nacion', uno dei titolari dell'agenzia di pompe funebri si è detto sgomento per la situazione che si è venuta a creare e ha spiegato che i responsabili sono rimasti "un paio di minuti da soli" e hanno approfittato di quel momento per scattare i selfie. "Abbiamo preparato il corpo in tre, gestiamo l’impresa con nostro padre. Siamo usciti un momento dalla camera funeraria per parlare con la polizia e coordinare il trasferimento della salma alla Casa Rosada in quel momento queste persone hanno scattato la foto", ha spiegato.

"Quando abbiamo visto la foto la prima reazione è stata piangere, piangere e piangere. Mio fratello Diego, che è il titolare, è a casa sua devastato. Non sappiamo cosa fare, abbiamo un'ottima reputazione e abbiamo dedicato la nostra vita al lavoro. Anche noi ci vergogniamo", ha aggiunto, spiegando di essersi scusato personalmente con Claudia Villafane per quanto accaduto. "Ci scusiamo con il cuore con la famiglia di Maradona e con tutti, perché Diego era patrimonio di tutti". Il gesto potrebbe avere risvolti legali. "La pagheranno cara", ha rimarcato il legale di Maradona, Matias Morla.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza