cerca CERCA
Giovedì 17 Giugno 2021
Aggiornato: 01:10
Temi caldi

Siria, Is crocifigge 'spia' che muore dopo 3 giorni di agonia

17 ottobre 2014 | 15.34
LETTURA: 4 minuti

La giovane vittima 'arrestata' perché "scattava foto di alcune postazioni, per ricavarne del denaro". Is usa aerei militari per i sopralluoghi. Un coordinatore generale del Consiglio rivoluzionario curdo ad Aki: "La maggior parte è originario dei Paesi del Maghreb, ossia italo-marocchini, italo-algerini e italo-libici". E sottolinea: non hanno alcuna esperienza nell'utilizzo delle armi. Pinotti: "In Iraq 280 militari per addestrare curdi, predator e armi"

alternate text
(Foto Xinhua)

I jihadisti dello Stato islamico(Is) hanno crocifisso una presunta spia ad Aleppo, provincia della Siria settentrionale, lasciandola morire in croce dopo tre giorni di agonia. Secondo l'Osservatorio, la giovane vittima è stata 'arrestata' dai jihadiati perché "scattava foto di alcune postazioni, per ricavarne del denaro". L'uomo è stato quindi appeso a un croce su una rotonda situata su una strada di grande traffico, nella città di al-Bab. La presunta spia, riferiscono ancora gli attivisti, è rimasta appesa alla croce per tre giorni, prima di morire.

IS USA AEREI MILITARI PER SORVOLARE ALEPPO - I miliziani dello Stato islamico (Is) usano tre aerei militari per azioni di sopralluogo nei dintorni di un aeroporto militare ad Aleppo nel nord della Siria. Lo riferiscono gli attivisti dell'Osservatorio siriano per i diritti umani citando testimoni oculari.

A fine agosto i jihadisti dell'Is hanno conquistato la base aerea militare di Tabaqa, nella provincia di Raqqa, e da qui sarebbero entrati in possesso di velivoli del regime di Bashar al-Assad. Secondo l'Osservatorio Siriano per i diritti umani i tre velivoli militari in mano ai miliziani dello Stato Islamico potrebbero essere di tipo MiG-21 e MiG-23. Gli attivisti hanno inoltre riferito che ex ufficiali dell'esercito baathista arruolati dallo Stato Islamico stanno addestrando i jihadisti per pilotare i caccia nella base aerea al-Jarrah nel sobborgo orientale di Aleppo.

RAID AEREO REGIME ALLE PORTE DI DAMASCO, ALMENO 15 MORTI - Almeno 15 civili, tra i quali tre adolescenti, hanno perso la vita in una serie di raid aerei che i militari del regime siriano hanno lanciato contro Douma, cittadina controllata dai ribelli, alle porte di Damasco. Lo riferiscono gli attivisti dell'Osservatorio siriano per i diritti umani. Raid aerei del regime hanno colpito anche le province di Daraa, Hama, Homs e Idlib.

PORTO' FIGLIO IN SIRIA PER UNIRSI A IS, ARRESTATA JIHADISTA TEDESCA - Le autorità tedesche stanno indagando sulla vicenda di una donna che in agosto portò con sé in Siria il figlio di 8 anni per unirsi ai jihadisti dello Stato Islamico. La donna, una 33enne cittadina tedesca di origini irachene, è stata arrestata sabato scorso in Austria al suo ritorno dalla Siria. La Procura di Monaco, che ha emesso il mandato di arresto, ha annunciato oggi l'avvio delle procedure di estradizione. In manette è finito anche un uomo di 20 anni, un cittadino tedesco di origini turche che accompagnava la donna. La magistratura tedesca accusa la coppia di progettare un'azione violenta in Germania. Il figlio della donna era stato inizialmente affidato ad una struttura di assistenza austriaca, ma è stato ora preso in custodia da alcuni familiari.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza