Da Hyundai una 'Vision 2030' per la 'società a idrogeno'

BEST PRACTICES
Da Hyundai una 'Vision 2030' per la 'società a idrogeno'

E' nel segno dell'idrogeno la roadmap a lungo termine ‘FCEV Vision 2030’ elaborata da Hyundai Motor Group (che include anche il brand Kia Motors), un progetto con cui il colosso coreano riafferma il proprio impegno per una mobilità pienamente sostenibile, contando sulla propria posizione leader in termini di tecnologie fuel cell.


Secondo i piani annunciati, il Gruppo incrementerà nettamente la capacità produttiva di sistemi a cella a combustibile fino ad arrivare a 700 mila unità all’anno nel 2030, ed esplorerà nuove opportunità di business nella fornitura dei sistemi fuel cell sviluppati in house ad altre realtà del mondo dei trasporti, come altri produttori di automobili, ma anche droni, navi, treni e muletti. Anche la domanda in settori diversi dal trasporto, come quelli della generazione e lo stoccaggio di energia, è prevista in rapida crescita.

Sullo sfondo le stime delll’Hydrogen Council, organismo che mira a guidare l’evoluzione delle aziende che operano negli ambiti energetici e del trasporto – fra i quali Hyundai – prevede che la domanda di tale tecnologia incrementerà di 10 volte entro il 2050, generando diverse opportunità per una crescita economica sostenibile.

“Hyundai Motor Group, pioniere a livello globale nello sviluppo di veicoli fuel cell, fa ora un grande passo avanti verso la realizzazione di una società a idrogeno”, ha commentato Euisun Chung, Executive Vice Chairman di Hyundai Motor Group. “Espanderemo anche il nostro intervento oltre all’industria automotive e giocheremo un ruolo chiave nel passaggio all’energia pulita, aiutando a rendere l’idrogeno una fonte energetica sostenibile anche economicamente. Siamo certi che l’idrogeno non sarà limitato all’industria dei trasporti e diventerà una storia di successo globale”.

La ‘FCEV Vision 2030’ porterà il gruppo coreano e i suoi fornitori a investire circa 7.600 miliardi di won (quasi 6 mld di euro) per ricerca e sviluppo e per l’espansione delle strutture entro il 2030, generando approssimativamente 51.000 posti di lavoro. Così facendo, Hyundai punta a raggiungere una capacità di produzione di 500 mila unità all’anno di veicoli a celle a combustibile, automobili e mezzi commerciali, anticipando la crescita della domanda globale che si stima arriverà a 2 milioni di unità all’anno nello stesso periodo.

Come primo passo della roadmap, l’affiliata HMG Hyundai Mobis Co. che produce i sistemi fuel cell, ha tenuto in questi giorni una cerimonia per il secondo sito produttivo a Chungju (Corea del Sud). L’impianto aiuterà Mobis a incrementare la capacità di produzione a 40.000 unità entro il 2022, contro le attuali 3.000. Hyundai Motor ha lanciato nel corso del 2018 la NEXO, seconda generazione di veicoli fuel cell commercializzati dal brand che fa seguito alla ix35 Fuel Cell introdotta sul mercato nel 2013. NEXO nasce su un’inedita piattaforma dedicata alla mobilità a idrogeno, che migliora la generazione precedente sotto numerosi aspetti come peso, spaziosità dell’abitacolo ed efficienza.

Il sistema proprietario di celle a combustibile di Hyundai Motor Group combina l’idrogeno all’ossigeno contenuto nell’aria per produrre elettricità senza combustione, generando solo acqua come scarto e purificando l’aria inquinata: la perfetta fonte di energia pulita.

HMG pianifica di affinare ulteriormente il sistema di celle a combustibile utilizzato da NEXO per migliorare e diversificare la gamma di veicoli a idrogeno, così da rispondere alle richieste di diversi segmenti dell’industria. A dicembre, il Gruppo ha anche costituito una divisione dedicata allo sviluppo e al supporto del business in ambito fuel cell.

Secondo un recente studio di McKinsey & Company, grazie a una grande densità energetica combinata alla facilità di stoccaggio, l’idrogeno può contribuire a ridurre del 10% i costi associati alla proprietà di tutti i mezzi di trasporto, inclusi treni, navi e muletti. Lo studio stima in 5,5~6,5 milioni il numero di sistemi a celle a combustibile richiesti globalmente entro il 2030. HMG ricorda di essere l’unico Costruttore ad aver inaugurato un sito produttivo esplicitamente dedicato alla produzione commerciale di sistemi fuel cell.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.