cerca CERCA
Venerdì 21 Gennaio 2022
Aggiornato: 12:59
Temi caldi

Terrorismo, Viminale: espulso ex imam

14 luglio 2017 | 20.27
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Un 52enne marocchino, residente a Perugia, dove era stato imam presso il Centro Culturale Islamico e dal quale era stato allontanato a seguito della sua impostazione salafita, è stato espulso per motivi di sicurezza dello Stato con provvedimento firmato dal ministro dell'Interno Marco Minniti. Lo rende noto il Viminale.

L'uomo era da tempo all'attenzione investigativa della Digos di Perugia per i suoi contatti con soggetti coinvolti in indagini per terrorismo, tra i quali l’ex imam della moschea di Ponte Felcino, arrestato nel 2007 e poi condannato per reati di terrorismo internazionale.

In questo contesto è stato accertato che il cittadino marocchino aveva contribuito a radicalizzare due tunisini espulsi, nel 2015 e nel maggio 2017, in esecuzione di due distinti provvedimenti del Ministro dell’Interno emessi per motivi di sicurezza. Inoltre, lo straniero continuava a svolgere lezioni coraniche e prediche ultraradicali presso il luogo di culto Assalam di Corciano (Pg), mentre sul suo profilo Facebook sono emersi post con i quali condivideva inequivocabilmente l’ideologia e i metodi del Daesh.

Per questi motivi, è stato adottato il provvedimento di espulsione a firma del ministro dell’Interno, ed è stato rimpatriato oggi con accompagnamento nel suo Paese di provenienza con un volo decollato dalla frontiera aerea di Roma-Fiumicino.

Con il rimpatrio di oggi, il 64° del 2017, sono 196 i soggetti gravitanti in ambienti dell’estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal gennaio 2015 ad oggi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza