cerca CERCA
Martedì 18 Gennaio 2022
Aggiornato: 08:04
Temi caldi

Archeologia: tornano alla luce due Domus di Elena, madre di Costantino

07 luglio 2017 | 18.13
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Tornano alla luce spazi finora sconosciuti di due Domus costantiniane dell'area archeologica di Santa Croce in Gerusalemme a Roma. Tre ambienti della Domus dei ritratti che chiariscono la struttura e la funzione di questa residenza che era destinata ai cortigiani di Elena, la madre dell'imperatore Costantino. Grazie a un complesso restauro della soprintendenza speciale archeologica di Roma, la Domus dei ritratti, detta così per i busti dei proprietari che ornano il pavimento a mosaico di due triclini, e la Domus della fontana, aprono al pubblico da domani all'1 settembre.

"Il circuito sarà aperto da domani al 16 luglio per un'ora al giorno e dal 17 luglio fino al 1° settembre per tre ore al giorno dalle 20 alle 23, grazie a un progetto del Mibact che garantisce dei fondi per consentire la presenza dei custodi", spiega all'Adnkronos il soprintendente Francesco Prosperetti, sottolineando che la zona delle due Domus è stata interamente restaurata, dando risalto alle murature affrescate e ai pavimenti, con i loro preziosi mosaici del IV secolo. La pulitura degli ambienti e le nuove scoperte hanno anche reso più leggibile ai visitatori il complesso residenziale con le sue divisioni e funzioni.

Un restauro, spiega ancora il soprintendente, "reso possibile grazie al fatto che la soprintendenza è venuta in possesso di un'area attigua all'edificio dove aveva sede un'associazione di paracadutisti. Ora - aggiunge Prosperetti - dentro l'edificio metteremo i laboratori di restauro che avevano sede nel Museo Nazionale Romano, adesso staccato dalla soprintendenza. Quest'area non mai stata indagata prima, nonostante le due Domus fossero note già dagli anni '70 quando furono portate alla luce".

Il tutto ricade nell'area del palazzo reale di Costantino, chiarisce Prosperetti, "precedentemente nota come horti Variani e risistemata dall'imperatrice Elena che ne fa un complesso residenziale a ridosso delle Mura Aureliane, che risalivano al III secolo d.C. I restauri hanno consentito la piena leggibilità dei mosaici che ornavano questo magnifico complesso. Il tutto venne demolito più di un secolo dopo dall'imperatore Onorio che, per esigenze di difesa, fece abbattere tutti gli edifici contigui alle Mura Aureliane".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza