cerca CERCA
Domenica 20 Giugno 2021
Aggiornato: 00:09
Temi caldi

Ucraina, al Cremlino incontro a tre Putin, Merkel e Hollande

06 febbraio 2015 | 14.38
LETTURA: 3 minuti

Il colloquio è iniziato in forma ristretta, senza la partecipazione di consiglieri, esperti o altri esponenti delle delegazioni. La cancelliera tedesca e il presidente francese, che giovedì a Kiev si sono confrontati con Poroshenko, si sono recati a Mosca con una nuova proposta per una soluzione del conflitto in cui dalla metà dello scorso aprile sono morte oltre 5.350 persone

alternate text
Merkel, Putin, Hollande (Foto dal sito del Cremlino)

Al Cremlino Vladimir Putin, Angela Merkel e Francois Hollande riuniti a un tavolo rotondo per discutere della crisi in Ucraina. Come ha reso noto il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov, il colloquio è iniziato in forma ristretta, senza la partecipazione di consiglieri, esperti o altri esponenti delle delegazioni che raggiungeranno i tre leader solo in un secondo momento.

Dopo una breve conversazione all'aeroporto di Mosca Vnukovo in seguito al loro arrivo, Merkel e Hollande, che ieri a Kiev si sono confrontati con il presidente ucraino Petro Poroshenko in un colloquio durato cinque ore, si sono recati al Cremlino con una nuova proposta per una soluzione del conflitto nell'est dell'Ucraina in cui dalla metà dello scorso aprile sono morte oltre 5.350 persone.

Il vicepresidente degli Stati Uniti, Joe Biden, a margine dell'incontro con il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, a Bruxelles, ha dichiarato: "In questo momento gli Stati Uniti e l'Europa devono stare uniti e restare saldi. Non si può permettere alla Russia di ridisegnare la mappa dell'Europa, cosa che sta cercando di fare". L'Ucraina, ha continuato, "sta combattendo per la propria sopravvivenza, e la Russia sta continuando l'escalation del conflitto, inviando mercenari e mezzi pesanti".

Da parte sua Tusk ha ricordato che "la situazione in Ucraina sta peggiorando di giorno in giorno. Come amici e partner, Unione Europea e Stati Uniti, devono coordinare i loro sforzi e mantenere la pressione sulla Russia per il tempo necessario". "Non possiamo accettare alcuna forma di aggressione, specialmente quella di uno Stato con un altro. E non possiamo fare compromessi sull'indipendenza, la sovranità e l'integrità territoriale dell'Ucraina", ha aggiunto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza