cerca CERCA
Mercoledì 01 Dicembre 2021
Aggiornato: 20:36
Temi caldi

Ue: Van Rompuy, spetta a noi costruire fiducia e salvaguardare pace

26 giugno 2014 | 19.12
LETTURA: 3 minuti

Cento anni dopo la Grande guerra, nella città simbolo di battaglie che fecero oltre 300mila morti, Ypres, i leader dell'Ue commemorano le vittime e riaffermano il loro impegno alla pace. "Noi siamo i guardiani del ricordo - dice il presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, a nome dei 28, in una cerimonia al Menin Gate Memorial, dedicato ai caduti britannici e dei Paesi del Commonwealth - Spetta a noi, con le parole e con le azioni, bloccare le spirali di autodistruzione, coltivare la fiducia e salvaguare la pace, una pace che possiamo sognare sia per sempre".

Per celebrare l'anniversario, i leader europei hanno donato una panchina simbolica, la 'panchina della pace', a forma circolare, sulla quale ognuno dei 28 leader ha piantato una bandiera del proprio paese, alcuni inchinandosi in segno di rispetto e in memoria dei morti. Una panchina sulla quale la gente possa sedersi e ricordare i caduti e sulla quale è scritta la parola pace nelle 24 lingue ufficiali dell'Unione.

Conclusa la cerimonia, i capi di Stato e di governo dei 28 hanno percorso a piedi le poche centinaia di metri separano il memoriale dalla sede del comune di Ypres, davanti al quale hanno scattato la foto di famiglia. Durante il percorso, mentre salutano la gente dietro le transenne e qualcuno stringe mani, il premier Matteo Renzi era a fianco del collega lussemburghese Xavier Vettel, del finlandese Alexander Stubb e poi del maltese Joseph Muscat. Davanti a loro il premier britannico David Cameron, con la collega danese Helle Thorning-Schmidt, candidata alla presidenza del Consiglio Ue e di cui Cameron sarebbe uno sponsor. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza