cerca CERCA
Martedì 03 Agosto 2021
Aggiornato: 00:20
Temi caldi

Migliore performance ad asse 'Innovazione ed economia della conoscenza'

Umbria: comitato sorveglianza, spesi 59,7% fondi Fesr 2007-2013

27 giugno 2014 | 15.03
LETTURA: 4 minuti

alternate text

Quasi 205 milioni di euro del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (Fesr), destinati a progetti in favore delle politiche di crescita e di coesione economica, sociale e territoriale dell'Umbria, sono stati spesi secondo il rapporto annuale del Comitato di Sorveglianza del Por Fesr 2007-2013 della Regione Umbria. Si tratta del 59,57% degli oltre 343 milioni complessivi di fondi (Ue+Stato) allocati per i sette anni.

In particolare, la migliore performance attuativa del Por l'hanno ottenuta i progetti legati all'asse 'Innovazione ed economia della conoscenza' con oltre 118 mln di euro di risorse totali certificate, pari a oltre il 74% delle risorse destinate a quel fronte. Si colloca al secondo posto, l'asse 'Assistenza tecnica', comprendente tutte quelle attività che fanno da supporto (come comunicazione, studio e ricerca), che raggiunge 6,3 mln di euro di risorse certificate, pari al 60% dei fondi totali.

A seguire, l'asse 'Ambiente e prevenzione dei rischi', le cui attività sono in corso di realizzazione e per cui le risorse totali certificate ammontano ad oltre 27mln di euro, pari a circa il 50% del totale. I progetti legati ad 'Efficienza energetica e allo sviluppo di fonti rinnovabili' hanno invece conquistato la quarta posizione con oltre 23 mln di risorse totali certificate, pari al 48%. Segue l'asse 'Accessibilità e aree urbane' per quanto riguarda l'avanzamento degli interventi compresi nei Programmi urbani complessi (Puc2) e nei Progetti integrati territoriali (Pit) dei comuni di Perugia e Terni con oltre 28 mln di euro di risorse totali certificate, pari al 42%.

Nel 2013, rispetto al 2012, l'Umbria è riuscita a spendere di più i fondi del Fesr con un aumento della spesa pari a oltre 57 mln di euro. In particolare, per quanto riguarda il primo asse (Innovazione ed economia della conoscenza) emerge un aumento della spesa di oltre 24 mln di euro; nel secondo asse (Ambiente e prevenzione rischi) è stato registrato un incremento di oltre 7 mln di euro; nel terzo settore 'Efficienza energetica e sviluppo di fonti rinnovabili' l'aumento di spesa è di oltre 13 mln di euro; nel quarto asse (Accessibilità ed aree urbane) l'incremento è di oltre 10 mln di euro e per quanto riguarda la voce 'Assistenza tecnica' di quasi 2 mln di euro rispetto al 2012.

Per quanto riguarda l'avanzamento finanziario e procedurale, sono state attivate attraverso bandi e programmi 112 procedure, 27 in più rispetto al 2012.

I progetti finanziati, 3124 (627 in più rispetto al 2012) hanno ricevuto un contributo pubblico di 324,76 mln di euro, su un investimento complessivo di 658,15 mln di euro. Infine, sono 204,81 mln le spese certificate, pari al 60% delle risorse programmate: un dato superiore al target fissato.

Il 67% dei progetti è concentrato in tre delle sette aree di intervento della Regione: Valle Umbra che ha ottenuto 62,84 mln di euro di contributo pubblico; Trasimeno Perugino, con 97,8 mln di euro e alta Valle del Tevere con 50 mln di euro di finanziamenti. Seguono Amerino Narnese Ternano e Media Valle del Tevere.

I primi 4 comuni (su 88 analizzati) in termini di numerosità di progetti sono: Perugia, con 505 progetti, 97 in più rispetto al 2012; Terni con 305 progetti, 85 in più rispetto al 2012; Foligno con 210 progetti, 58 in più rispetto al 2012 e Città di Castello con 192 progetti, 71 in più rispetto al 2012. Hanno ricevuto complessivamente 127 mln di euro, su un totale di risorse pubbliche concesse di 324 mln di euro.

Infine, gli interventi finanziati sono stati destinati: il 50% all'erogazione di finanziamenti e aiuti a favore delle imprese e individui; il 35% alla realizzazione di opere pubbliche; il 15% all'acquisizione di beni e servizi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza