cerca CERCA
Martedì 11 Maggio 2021
Aggiornato: 19:14
Temi caldi

Vatileaks 2, Chaouqui: "Sono pronta al carcere con mio figlio"

07 luglio 2016 | 13.02
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Francesca Immacolata Chaouqui (Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Francesca Immacolata Chaouqui, tra gli imputati nel nuovo processo Vatileaks per la quale il pm vaticano ha chiesto la condanna più alta (3 anni e 9 mesi), è pronta ad andare in carcere in caso di condanna da parte del Tribunale vaticano. Lo ha detto lei stessa stamani nelle dichiarazioni spontanee rese alla Corte presieduta da Giuseppe Dalla Torre. "Se mi condannerete - ha detto Chaouqui - sono pronta ad andare in carcere con mio figlio". Il piccolo Elia è nato qualche settimana fa.

Chaouqui, nel corso delle dichiarazioni spontanee, ha ribadito di avere "fatto tanti errori" ma di non avere mai ricevuto "minacce" e tantomeno di avere "passato documenti. Non ho mai trasmesso documenti né fatto minacce. Il pm ha detto che sono stata arrestata perché ho dato documenti a Nuzzi. Quando sono stata convocata dai gendarmi credevo di dover aiutare la gendarmeria non di essere arrestata. Ci tengo a sottolineare il mio comportamento corretto, sempre".

Il collegio presieduto da Giuseppe dalla Torre dovrà decidere se confermare o meno le condanne richieste per i cinque imputati nell'ambito di Vatileaks. In particolare, i pm lunedì scorso hanno chiesto quattro condanne: un anno per Gianluigi Nuzzi per "concorso morale", assoluzione per il collega Emiliano Fittipaldi "per insufficienza di prove". Tre anni e un mese per mons. Lucio Angel Vallejo Balda; tre anni e nove mesi per Francesca Immacolata Chaouqui; un anno e nove mesi per Nicola Maio.

I giornalisti Nuzzi e Fittipaldi, autori di 'Via Crucis' e 'Avarizia' per i quali è partita una imponente mobilitazione via twitter per la libertà di informazione, non hanno reso dichiarazioni spontanee. Nessuna dichiarazione nemmeno da parte di mons. Lucio Vallejo Balda né delll'ex collaboratore Nicola Maio. La sentenza è attesa intorno alle 16.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza