cerca CERCA
Sabato 27 Febbraio 2021
Aggiornato: 15:47
Temi caldi

Arte: David di Michelangelo, via la polvere dal colosso di marmo /Guarda

29 febbraio 2016 | 13.34
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Firenze, 29 feb. - (AdnKronos)

Al via la manutenzione periodica, con inizio delle operazioni di pulitura per togliere la polvere, per il David e i Prigioni, le colossali sculture in marmo di Michelangelo custodite nella Galleria dell'Accademia di Firenze. A farsi carico delle spese è la fondazione non profit Friends of Florence. E' stato firmato oggi, infatti, l'accordo grazie al quale anche per il 2016 la spolveratura del David, delle altre sculture di Michelangelo (Prigioni, San Matteo e Pietà da Palestrina) e del modello del Ratto delle Sabine di Giambologna sarà finanziata con 20mila euro lordi dall'associazione presieduta da Simonetta Brandolini d'Adda. L'atto è stato controfirmato da Cecilie Hollberg, direttrice del museo.

Come accade ormai ininterrottamente dal 2005, l'accordo è stato siglato tenendo fede alla filosofia, condivisa da entrambi i contraenti, ha spiegato Hollberg, che è meglio investire per una manutenzione costante e frequente piuttosto che per un intervento di restauro a lunga scadenza.

Oggi il David è di nuovo al centro di un intervento di manutenzione: questo accade mediamente ogni due mesi, ma nei periodi di maggiore affluenza di visitatori nel museo, la frequenza degli interventi scende a 4/5 settimane. L'obiettivo è quello di rimuovere i depositi di polvere e di particellato per evitare che questo si accumuli e si compatti.

Dal 2015 è Paola Rosa che si occupa degli interventi di manutenzione delle opere michelangiolesche della Galleria dell'Accademia; in passato la restauratrice fiorentina è stata protagonista di interventi su tre sculture di Michelangelo al Museo Nazionale del Bargello: Bruto, David Apollo e Tondo Pitti.

L'operazione, che vede impegnata la restauratrice coadiuvata dalla collaboratrice Emanuela Peiretti, prevede l'utilizzo di un aspiratore e di pennelli a setola molto morbida. Tutto il lavoro - che normalmente si svolge solo nella giornata di lunedì, quando il museo è chiuso per turno – viene effettuato con l'ausilio di un moderno ponteggio mobile che garantisce elevati standard di sicurezza e di manovrabilità.

Inoltre, l'elevata frequenza degli interventi sul David mette in condizione la restauratrice di effettuare anche un monitoraggio ravvicinato continuo della scultura, ed eventualmente di segnalare anomalie sulla superficie. Gli interventi ai Prigioni, al San Matteo e alla Pietà da Palestrina si svolgono invece con una frequenza minore (circa ogni quattro mesi), ma seguono la metodica adottata per il David.

"Mi fa molto piacere poter prorogare questa convenzione divenuta ormai un appuntamento consueto - ha detto Cecilie Hollberg - Soprattutto perché dimostra quanto interesse abbiano i Friends of Florence per la nostra Galleria dell'Accademia di Firenze. Per me è importantissimo non solo il fermo appoggio da parte dei nostri sostenitori, ma anche far sapere ciò che accade nel museo quando è chiuso al pubblico. Occorre far conoscere le necessità quotidiane della conservazione per ottenere sostegno. Chi l'avrebbe mai pensato che anche una statua come il David deve essere spolverata come una qualsiasi altra cosa?"

Sono ormai 13 anni che il programma di intervento alle opere di Michelangelo fa parte della nostra attività: per noi è un progetto fondamentale perché crediamo che la conservazione del nostro patrimonio, e in particolare di opere così importanti, debba passare inesorabilmente dalla prevenzione e dalla cura costante e continua - ha sottolineato Simonetta Brandolini d'Adda - In tutti questi anni per la cura dei capolavori michelangioleschi sono stati donati quasi 500 mila euro. La firma della nuova convenzione è per noi un momento significativo perché oltre a confermare nuovamente la collaborazione al mantenimento del David e dei Prigioni, inaugura la sinergia con la nuova direzione della Galleria con la quale ci auguriamo possano svilupparsi progetti e iniziative altrettanto importanti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza