cerca CERCA
Mercoledì 20 Gennaio 2021
Aggiornato: 14:14

Zaia: "Durante il lockdown non dormivo per il panico"

02 luglio 2020 | 16.15
LETTURA: 1 minuti

alternate text
Fotogramma
Venezia, 2 lug. - (Adnkronos)

"Durante il lockdown l’insonnia di cui soffro si era accentuata: colpa del panico. Mi ero organizzato anche l’isolamento in un’altra casa, nel caso fossi risultato positivo". Lo racconta Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, a "Gente", in edicola da venerdì 3 luglio. La sua gestione dell’emergenza è stata presa ad esempio. La sua vita, però, cambiò: "Partivo da casa alle 5 del mattino e rientravo a sera. Nessun contatto se non con mia moglie e i più stretti collaboratori".

A proposito della moglie Raffaella dice: "Ha fatto una scelta di grande responsabilità, accettando di penalizzarsi. Si è messa in quarantena, letteralmente, prima in ferie e quindi in aspettativa. Ogni mattina, quando uscivo di casa, si limitava a dirmi: "Mi raccomando, stai attento'". A chi sostiene che Zaia sarà l’alternativa a Salvini nella Lega, risponde: "Vivo da sempre con questi retroscena. Lo ripeto: non sono alternativo a nessuno e non ho nessun obbiettivo nascosto. Non ho alcuna ambizione recondita, né le ho mai avute perché non è nelle mie corde".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza