cerca CERCA
Lunedì 15 Luglio 2024
Aggiornato: 12:12
10 ultim'ora BREAKING NEWS

G7: accordo al vertice sul clima

Renzi al summit: "Non c'è più un problema Italia, torniamo protagonisti" /Video - Foto

Angela Merkel e Barack Obama al vertice G7 - AFP
Angela Merkel e Barack Obama al vertice G7 - AFP
08 giugno 2015 | 14.49
LETTURA: 4 minuti

Trovato al vertice del G7 in Germania l'accordo sul clima per mantenere l'aumento delle temperature globali entro il limite dei due gradi. E' "un obiettivo ambizioso", ha detto Angela Merkel nella conferenza stampa conclusiva del vertice, sottolineando che si tratta di un'azione necessaria per avere "una minore dipendenza dai combustibili fossili" a livello mondiale.

La cancelliera tedesca ha ricordato come tutti i Paesi dovranno impegnarsi perché "nessuno può raggiungere da solo" l'obiettivo entro la data fissata del 2020. E riferendosi alla conferenza del Clima che si terrà a Parigi la fine dell'anno ha sottolineato che è importante che da qui alla data del suo svolgimento tutti i Paesi facciano le proprie proposte "in modo da poter arrivare con dei risultati".

"Per affrontare i cambiamenti climatici è necessaria un'azione urgente e concreta", sostengono i leader del G7 nella dichiarazione conclusiva del vertice, con la quale affermano la "forte determinazione" per adottare, in occasione della Conferenza che si terrà a dicembre a Parigi, "un protocollo, un altro strumento legale o un risultato condiviso" che abbia forza legale in base alla Convenzione Onu sui cambiamenti climatici.

L'accordo, affermano i leader, dovrebbe consentire a tutti i Paesi di perseguire politiche energetiche e di sviluppo in linea con l'obiettivo globale di "tenere l'aumento delle temperature globali medie al di sotto dei 2 gradi centigradi".

CRESCITA - "La ripresa economica ha fatto progressi da quando ci siamo incontrati l'ultima volta. In alcune economie avanzate, la crescita economica si sta rafforzando e le prospettive sono migliorate", si legge nelle conclusioni del vertice del G7 in Germania, nelle quali si sottolinea tuttavia che "molte delle nostre economie stanno ancora operando al di sotto del loro pieno potenziale e che ulteriore lavoro è necessario per raggiungere il nostro obiettivo di una crescita forte, sostenuta e bilanciata".

MIGRANTI - "Siamo estremamente preoccupati per i flussi globali di profughi, in aumento e senza precedenti", e "riaffermiamo il nostro impegno a prevenire e combattere il traffico di migranti, a individuarlo, scoraggiarlo e fermarlo dentro e fuori i nostri confini", si legge nel comunicato finale del G7.

TTIP - "Commercio e investimenti sono la chiave trainante per crescita, creazioni di posti di lavoro e sviluppo sostenibile", dichiarano nelle conclusioni del summit i leader dei Paesi del G7 impegnandosi ad "accelerare immediatamente il lavoro sulle questioni del Ttip, assicurando progressi in tutti gli elementi del negoziato, con l'obiettivo di finalizzare l'intesa sulla cornica dell'accordo al più presto possibile, preferibilmente entro la fine dell'anno". Oltre all'accordo di libero scambio tra Ue e Usa nel documento si fa riferimento anche al Tpp, l'accordo tra Usa e Paesi dell'Asia Pacifico: "faremo tutti gli sforzi per finalizzare i negoziati sul Tpp al più presto possibile e per il raggiungimento di un accordo di principio tra Ue e Giappone preferibilmente entro la fine dell'anno".

IS - I leader del G7 "accolgono con favore i continui sforzi della coalizione globale" contro lo Stato Islamico e, nella dichiarazione finale del vertice, ribadiscono l'"impegno per sconfiggere questo gruppo terroristico e per combattere la diffusione della sua ideologia dell'odio". La lotta al terrorismo e al finanziamento delle attività terroristiche, si legge ancora nel documento, "è una massima priorità del G7".

UCRAINA - I leader del G7 sono "pronti ad adottare ulteriori misure restrittive" contro la Russia se sarà necessario, si legge nelle dichiarazioni finale del G7 di Elmau, nel quale si sottolinea comunque che "la durata delle sanzioni deve essere chiaramente legata al completo rispetto degli accordi di Minsk da parte della Russia e al suo rispetto della sovranità ucraina. Queste potranno essere ritirate quando la Russia rispetterà gli impegni".

L'INTERVENTO DI RENZI - "L'Italia sta in questo consesso come grande paese, non più come parte del problema ma come soluzione ai problemi. L'Italia porta soluzioni non problemi", ha detto il premier Matteo Renzi al termine del G7 /VIDEO - FOTO. "Lo sguardo positivo alla crescita come elemento chiave" è la nota caratteristica del G7 appena chiuso, ha aggiunto il premier sottolineando: "questa è una battaglia dell'Italia".

"Sulla crescita c'è stata una discussione significativa, con noi e gli Stati Uniti sulla stessa linea, non così gli altri nostri amici del G7", ha detto Renzi. "Oggi su questo tema si apre una partita nuova, non è più il secondo tempo della stessa partita, e io spero che l'Italia possa essere protagonista e segni anche un gol", ha aggiunto il premier.

Greenpeace proietta un messaggio per il G7: "Go for 100% renewables"

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche


SEGUICI SUI SOCIAL



threads whatsapp linkedin twitter youtube facebook instagram
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza