cerca CERCA
Mercoledì 27 Ottobre 2021
Aggiornato: 10:11
Temi caldi

Antimicrobico e 'killer' del fegato, occhio al Triclosan nel sapone per le mani

18 novembre 2014 | 12.19
LETTURA: 3 minuti

alternate text

(Adnkronos Salute) - Un antimicrobico molto comune nei prodotti per l'igiene personale può attaccare il fegato e danneggiarlo, seriamente causando la fibrosi epatica o il tumore. A stabilire la pericolosità del Triclosan, questo il nome dell'additivo usato in molti saponi per le mani e in prodotti per la casa, è uno studio dell'University of California pubblicato sulla rivista 'Proceedings of the National Academy of Sciences'. La ricerca ha scoperto che l'esposizione a lungo termine di topi di laboratorio con il Triclosan altera i meccanismi molecolari fino a danneggiare il funzionamento del fegato e scatenare una fibrosi epatica e il cancro.

"L'aumento della diffusione del Triclosan rappresenta un rischio di tossicità epatica per le persone, superando il vantaggio moderato che può rappresentare come detergente antimicrobico", spiega Robert H. Tukey, docente di chimica e autore dello studio. Il lavoro ha dimostrato come il Triclosan compromette la funzionalità del fegato nei topi esposti a questa sostanza per 6 mesi (un tempo equivalente nell'uomo a 18 anni) causando una maggiore suscettibilità e frequenza di neoplasie al fegato.

Il Triclosan - suggerisce lo studio - è pericoloso perché interferisce con lo sviluppo del recettore dell'androstano, una proteina responsabile del metabolismo di sostanze chimiche estranee al corpo. Il danno provocato a questa proteina causa una proliferazione di cellule epatiche e nel tempo una fibrosi epatica. Recenti studi hanno inoltre trovato tracce di Triclosan nel 97% dei campioni di latte materno e nelle urine di quasi il 75% delle persone testate. "Potremmo ridurre una quota importante dell'impatto di questo antimicrobico eliminandolo dove è quasi inutile nel rapporto quantità-benefici, ovvero dai saponi liquidi. Mentre si potrebbe lasciare nei dentifrici, dove la sua quantità è molto bassa".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza