cerca CERCA
Lunedì 18 Ottobre 2021
Aggiornato: 02:04
Temi caldi

Borsa: Milano chiude in rosso con Europa in scia Ws, brilla Sorin

20 agosto 2015 | 20.33
LETTURA: 5 minuti

alternate text
Borsa Milano in rosso con Wall Street (Infophoto)

La Borsa di Milano chiude in profondo rosso un brutto giovedì, perdendo oltre due punti percentuali e mezzo, con le altre piazze europee in calo seguendo Wall Street, che, reduce da due sedute discendenti consecutive, ha aperto in negativo, per poi ampliare le perdite. Sui mercati azionari pesano una serie di fattori, tra cui l'incertezza sulle prossime mosse della Federal Reserve, che dovrebbe rialzare i tassi d'interesse dopo anni di tagli.

Le minute della riunione di luglio del Fomc, diffuse ieri, non hanno fornito indizi definitivi sui tempi, anche perché il meeting era precedente alla svalutazione dello yuan decisa dalla banca centrale cinese l'11 agosto. I dati macro positivi Usa di oggi, tuttavia, hanno rinfocolato il timore che il rialzo possa avvenire già a settembre.

Pesano anche la debolezza delle commodities e gli scossoni dei mercati azionari cinesi (oggi Shanghai ha perso il 3,4%). Intanto il premier greco Alexis Tsipras si è dimesso per convocare elezioni anticipate il mese prossimo. La Borsa di Atene ha chiuso con l'indice generale (Athens Stock Exchange General Index) in calo del 3,52% a 651,56 dopo le indiscrezioni trasmesse nel pomeriggio dalla tv pubblica Ert1.

Sui mercati regna la volatilità: il Cboe Volatility Index, o Vix, il cosiddetto indice della paura, che misura la volatilità attesa a 30 giorni basandosi sulle opzioni sull''S&P 500, oggi sale a due cifre, toccando i massimi da luglio. A Milano l'indice guida Ftse Mib chiude a 22.378 punti (-2,6%), mentre l'indice generale All Share segna 24.046 punti (-2,56%).

Alla Borsa di Milano forti scambi, per 3,13 mld di euro di controvalore, da 2,5 mld ieri. Su 337 titoli in negoziazione, solo 37 hanno chiuso in verde. Ben 284 hanno archiviato la giornata in calo, 16 invariati. Spicca sul listino milanese il balzo di Sorin, maglia rosa della Borsa di Milano.

In negativo le altre Borse europee: a Francoforte Dax 10.432 punti (-2,34%); ad Amsterdam Aex 459,17 (-2,15%); a Parigi Cac 4.783 (-2,06%); a Madrid Ibex 10.587 (-1,81%); a Zurigo Smi 9.104 punti (-1,59%); a Lisbona Psi 20 5.436 punti (-1,08%); a Bruxelles Bel 20 -1,48% a 3.544 punti.

Limita i danni Londra, dove l'indice guida Ftse perde solo lo 0,56%, a quota 6.367. A New York il Dow perde l'1,3%, il Nasdaq circa l'1,8%.

L'euro al riferimento della Bce oggi segna un deciso guadagno, passando da 1.1041 dollari a 1,1183 dollari. L'oro a pronti al London Bullion Market sale al fixing pomeridiano a 1.147,7 dollari l'oncia, rispetto a 1.137,95 dollari stamani. Il future sul Wti, il petrolio di riferimento americano, con consegna a settembre, che sta per scadere, vale al Nymex 41,04 dollari, in recupero di 0,24 dollari dalla chiusura precedente. Quello con consegna a ottobre vale 41,43 dollari (+0,16 dollari).

Tutti i settori della Borsa di Milano chiudono in rosso, tranne i chimici (+0,24%). Tiene la salute (+0,18%), grazie all'exploit di Sorin. In calo in particolare beni e servizi per l'industria (-3,43%), beni per la persona e la famiglia (-3,28%), industriali (-3,28%), viaggi e tempo libero (-3,20%), banche (-2,95%).

Sul Ftse Mib si salvano dal rosso solo Ansaldo Sts (+0,53%), grazie a sviluppi positivi dalla Cina sul fronte Hitachi, e Wdf (+0,2%). Tutti gli altri perdono, in particolare Mediolanum, che cede il 4,70%, e Prysmian (-4,6%), in serie negativa da tre sedute e che ritraccia dopo aver toccato massimi pluriennali. Male anche Finmeccanica (-4,12%), Enel Gp (-4%) e Moncler (pari merito).

Sull'All Share spicca il forte rialzo di Sorin (+6,15%), maglia rosa del'intero listino, sull'onda della decisione del Tribunale di Milano, che ha rigettato l'opposizione dei creditori alla fusione con Cyberonics, insieme alla convocazione dell'assemblea straordinaria della società texana chiamata ad approvare l'operazione (che ha già avuto l'ok dei due cda e dell'assemblea Sorin), che si terrà il 22 settembre a Houston, in Texas. La fusione che darà vita a Livanova dovrebbe perfezionarsi nel corso del quarto trimestre 2015, hanno comunicato le due società.

In rosso Saras, che perde il 7,62%, maglia nera della Borsa di Milano.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza