cerca CERCA
Domenica 14 Agosto 2022
Aggiornato: 00:08
Temi caldi

Carceri, bimbo di 6 anni a Sollicciano: il caso arriva in Parlamento

27 giugno 2014 | 19.37
LETTURA: 2 minuti

Interrogazione dei deputati toscani Gelli (Pd) e Nicchi (Sel)

alternate text

Un'interrogazione parlamentare congiunta al ministro della Giustizia per sapere ''quali iniziative intenda intraprendere per risolvere il caso del bambino recluso nel carcere fiorentino di Sollicciano e consentire al piccolo di 6 anni di trascorrere una vita normale lontano dalla prigione''. A presentarla i deputati toscani Federico Gelli (Pd) e Marisa Nicchi (Sel) all'indomani della questione emersa sul dorso toscano del Corriere della Sera lo scorso mercoledì.

"E' incomprensibile - hanno detto i deputati toscani Gelli e Nicchi - come un bambino di appena 6 anni possa aver trascorso tutta la sua vita in carcere. La burocrazia nel nostro Paese è per l'ennesima volta un ostacolo a quello che è un comune senso di civiltà ed umanità. Siamo di fronte ad una legislazione che non è in grado di garantire la dignità di una vita innocente".

"Sono anni che si discute dell'apertura della casa delle detenuti madri a Firenze, il cosiddetto Icam - hanno aggiunto i due parlamentari - Peccato che i lavori annunciati non sono mai partiti e la struttura si stia deteriorando giorno dopo giorno, mentre continua il rimpallo delle responsabilità istituzionali sulla pelle del bambino che continua a vivere a Sollicciano. Non certo un'eccezione, visto che in Italia sono circa 40 i bambini detenuti sotto i 3 anni".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza