cerca CERCA
Domenica 07 Marzo 2021
Aggiornato: 12:40
Temi caldi

Conte: "Domani mi aspetto Rt all'1 e più regioni gialle"

26 novembre 2020 | 20.40
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma)
Roma, 26 nov. (Adnkronos)

"Domani è una giornata importante: mi aspetto un Rt che è arrivato all'1, sarebbe un segnale importante della riduzione del contagio. E mi aspetto anche che molte Regioni che ora sono rosse diventino arancioni o gialle. Sarebbe un bel segnale". Lo dice il premier Giuseppe Conte, in un'intervista al Tg5.

La curva dei contagi in calo si deve al "senso di responsabilità della stragrande maggioranza degli italiani: ancora una volta, pur in mesi difficili, stanno rispettando le regole e stanno dando ancora una volta una grande prova di responsabilità. In più - ha aggiunto Conte -, il governo ha adottato un sistema che sta funzionando, che consente di intervenire in modo chirurgico com misure ancor più circoscritte che ci consente di far correre l'economia e non deprimere il tessuto economico".

Tuttavia un Natale sotto tono "è necessario, non possiamo abbassare la guardia. Gli italiani - ha scandito il premier - sono consapevoli che sarà un Natale diverso o ci esponiamo a una terza ondata a gennaio, con il rischio di un alto numero di decessi che non possiamo permetterci".

Quanto al voto di oggi sullo scostamento di bilancio, il presidente del Consiglio ha sottolineato che "oggi non ha rischiato Conte, perché le forze di maggioranza sono ben coese e salde. Non ha rischiato neanche il cavaliere Berlusconi perché, con Fi, ha sempre mostrato apertura al dialogo, un approccio costruttivo e il fatto che anche le altre forze di opposizione abbiano convenuto su questa posizione è un segnale bello per tutto il Paese".

"Nell'ultimo passaggio ufficiale al Parlamento avevo dichiarato che il tavolo di confronto con l'opposizione sarebbe rimasto sempre aperto - ha ricordato Conte - auspico che questo dialogo vada avanti" perché "se le forze di opposizione contribuissero in modo critico sarebbe un bene per tutto il Paese".

Il premier ha commentato poi anche la morte di Maradona: "È una notizia che ha colpito molto anche me. Quando scompare un talento ineguagliabile, un genio del calcio che ha scritto pagine indelebili, è una mancanza per tutti. Maradona è stato anche un uomo che ha avuto attraverso il calcio un riscatto. Ricordo sempre una frase che ha pronunciato: 'Ho sbagliato, ho commesso degli errori ma questo nulla toglie alla bellezza del calcio'".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza