cerca CERCA
Venerdì 22 Ottobre 2021
Aggiornato: 22:29
Temi caldi

Iss: "Gran parte infezioni in Rsa, poi in famiglia"

24 aprile 2020 | 12.36
LETTURA: 2 minuti

Il presidente Brusaferro: "Resta circolazione virus anche in zone meno colpite". E sottolinea: "Da aprile aumentano donne contagiate". Ma "si conferma il fatto che le donne muoiono meno rispetto ai maschi nel nostro Paese"

alternate text
(Foto Fotogramma)

"La gran parte delle infezioni si verificano fondamentalmente dove si concentrano sostanzialmente le persone anziane e i disabili, poi c'è il livello familiare, quindi le strutture sanitarie e il livello lavorativo". Lo ha spiegato Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), durante la conferenza stampa all'Iss su 'Covid-19, analisi dell’andamento epidemiologico e aggiornamento tecnico-scientifico'.

Secondo uno studio preliminare condotto dall'Iss su circa 4.500 casi notificati tra l'1 e il 23 aprile, "il 44,1% delle infezioni si è verificato in una Rsa, il 24,7% in ambito familiare, il 10,8% in ospedale o ambulatorio e il 4,2% sul luogo di lavoro".

"La curva" epidemica "mostra che si riducono i sintomatici", e questo "un po' dappertutto", ha evidenziato poi Brusaferro aggiungendo: "Si riduce anche la quota di pazienti critici", e "sta crescendo l'uso dei tamponi sul territorio andando a intercettare precocemente i casi". Tanto che "sta crescendo la quota di pazienti paucisintomatici o asintomatici".

Ma "anche nelle zone a bassa circolazione del virus ci sono comunque dei focolai, come nel Lazio, in Calabria, in Sicilia: globalmente l'intensità di circolazione si è molto ridotta, ma rimane la circolazione del virus", ha sottolineato i il presidente dell'Iss. "Questo è il motivo per cui anche quando parliamo di allentare alcune misure - ha aggiunto - si esprime sempre la cautela e la necessità di muoversi passo passo, perché la situazione epidemiologica è nettamente migliorata ma non possiamo ignorare che il virus continua a circolare. Dobbiamo muoverci in maniera cauta, con misure progressive e con un continuo monitoraggio nel momento della riapertura perché la situazione è differenziata nel paese".

"Da aprile aumenta il numero delle donne contagiate", ha fatto sapere ancora Brusaferro. Quanto ai decessi "l'età media delle donne è più elevata, e si conferma il fatto che le donne muoiono meno rispetto ai maschi nel nostro Paese".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza