cerca CERCA
Martedì 15 Giugno 2021
Aggiornato: 19:53
Temi caldi

Coronavirus, Oms dichiara la pandemia: che cos'è

11 marzo 2020 | 20.04
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Afp)

La pandemia "è la diffusione di un nuovo virus da uomo a uomo in più continenti, o comunque in vaste aree del mondo". Lo ricorda l'Istituto superiore della sanità, precisando che la fase pandemica, appena dichiarata dall'Organizzazione mondiale della sanità per Covid-19, "è caratterizzata da una trasmissione del virus alla maggior parte della popolazione". Si tratta della prima pandemia da coronavirus: la precedente, quella del 2009, fu causata da un (allora) nuovo virus influenzale di tipo A/H1N1 (noto come 'influenza suina').

Nel ventesimo secolo si sono verificate tre pandemie influenzali: nel 1918, 1957, e 1968, che sono state identificate comunemente in base alla presunta area di origine: Spagnola, Asiatica e Hong Kong. Si sa che sono state causate da tre sottotipi antigenici differenti del virus dell’influenza A, rispettivamente: H1N1, H2N2, e H3N2. Sebbene non classificate come pandemie, tre importanti epidemie si verificarono anche nel 1947, nel 1977 e nel 1976. "Le epidemie maggiori non mostrano una periodicità o caratteri prevedibili - sottolinea l'Iss - e differiscono l’una dall’altra. Esistono prove scientifiche a favore dell’ipotesi che le vere pandemie, con modifiche dell’emagglutinina, originino da riassortimento genetico con virus dell’influenza A degli animali".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza