cerca CERCA
Venerdì 18 Giugno 2021
Aggiornato: 08:50
Temi caldi

Coronavirus, Ricciardi: "Italia non è focolaio"

27 febbraio 2020 | 11.08
LETTURA: 2 minuti

Il componente italiano del comitato esecutivo dell’Oms: "Il virus sta circolando in tutto il mondo. In Italia un focolaio e mezzo". Poi la bacchettata alle Regioni: "Non comunichino dati, definizione di caso va fatta dall'Iss"

alternate text
(Fotogramma)

"L'Italia non è focolaio di niente, il virus sta circolando in tutto il mondo". Lo ha detto Walter Ricciardi, componente italiano del comitato esecutivo dell’Oms, rispondendo ai giornalisti che gli chiedevano se l’Italia fosse il focolaio d’Europa del coronavirus. "In Italia abbiamo un focolaio e mezzo: quello in bassa Lombardia e quello più piccolo in Veneto, che siamo riusciti a ricollegare a quello lombardo", ha spiegato Ricciardi sul collegamento fra i focolai delle due regioni.

"Dall’altro ieri - ha continuato - abbiamo deciso che la definizione di caso deve essere fatta dall’Iss perché questo test può dare falsi positivi e falsi negativi, per cui è importante che quelli che emergono dalle regioni vengano ancora considerati come casi sospetti ".
"E' importante -ha aggiunto - che le Regioni non facciano comunicazione perché, per l’impegno di trasparenza che noi abbiamo con le istituzioni internazionali, se loro dicono che quello è un caso, anche se sospetto e non confermato, noi poi lo dobbiamo comunicare a livello internazionale - ha aggiunto -. Quindi se noi ci fossimo attenuati a questo procedimento adesso noi ufficialmente di casi ne avremmo 190".

"I bambini rispondono meglio, hanno l’immunità crociata e sono protetti dalle vaccinazioni che si fanno nell’infanzia", ha continuato Ricciardi, aggiungendo: "Man mano che ci si allontana dall’infanzia si perde quella immunità"

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza