cerca CERCA
Venerdì 01 Luglio 2022
Aggiornato: 10:26
Temi caldi

Mostre: 32 opere dai depositi di Palazzo Pitti alla Sala delle Nicchie

15 ottobre 2014 | 15.12
LETTURA: 3 minuti

Proseguirà fino al 18 gennaio 2015 la mostra “Ritratti di paesi, mari e città”, visitabile con il biglietto d’ingresso al museo. Le opere in mostra sono divise in sei sezioni e abbracciano ben quattro secoli. Il soprintendente del Polo Museale Fiorentino, Cristina Acidini: "Questa mostra conferma la vitalità magazzini grandi musei, dai quali possono emergere rassegne intelligenti e mirate".

alternate text

Con l'intento di valorizzare le opere custodite nei propri depositi, la Direzione della Galleria Palatina inaugura questa mattina nella Sala delle Nicchie di Palazzo Pitti la mostra “Ritratti di paesi, mari e città”, visitabile con il biglietto d’ingresso al museo, e che proseguirà fino al 18 gennaio 2015. In mostra ci sono 32 opere, divise in sei sezioni, che abbracciano ben quattro secoli e il cui filo conduttore è costituito dalla rappresentazione fedele della realtà circostante in alcune mappe, carte geografiche, immagini del territorio e di eventi storici quali feste e battaglie.

“Questa mostra – dice il Soprintendente per il Polo Museale Fiorentino, Cristina Acidini - conferma la vitalità dei depositi dei grandi musei, dai quali, opportunamente censiti, mantenuti, studiati, possono emergere rassegne intelligenti e mirate come queste, che arricchiscono e  rinnovano l’offerta del museo stesso, ma possono sovente anche essere proposte in forma di esposizione temporanea ad altri organizzatori culturali”.

“I depositi sono per un museo una indispensabile riserva di linfa vitale – aggiunge il Direttore della Galleria Palatina, Matteo Luca Ceriana - quelli della Palatina sono particolarmente ricchi e offrono la possibilità di illustrare dei percorsi narrativi storici o artistici che nei prossimi anni vorremmo illustrare con cadenza regolare”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza