cerca CERCA
Sabato 27 Novembre 2021
Aggiornato: 11:48
Temi caldi

Domenica a Courmayeur referendum per cambio nome Comune

28 maggio 2014 | 21.08
LETTURA: 2 minuti

Nella nuova denominazione "Courmayeur-Mont-Blanc"

alternate text

La Presidenza della Regione ricorda che domenica 1° giugno, dalle ore 7 alle ore 22, gli elettori del Comune di Courmayeur sono chiamati ad esprimersi sulla modificazione della denominazione del Comune di Courmayeur nella nuova denominazione "Courmayeur-Mont-Blanc".

Per votare è necessario presentare un documento d'identificazione e la tessera elettorale personale. Chi l'avesse smarrita o non l'avesse ricevuta, può richiederla al Comune di Courmayeur, i cui uffici resteranno aperti da martedì 27 a sabato 31 maggio 2014, dalle ore 9 alle 19 e nel giorno della consultazione per tutta la durata delle operazioni di voto.

In casi assolutamente straordinari, qualora non sia possibile consegnare né la tessera, né il duplicato, previa verifica dell'iscrizione nelle liste elettorali, l'elettore può essere ammesso al voto tramite attestato del Sindaco sostitutivo della tessera ai soli fini dell'esercizio del diritto di voto per quella consultazione. All'elettore sarà consegnata una scheda di votazione su cui sarà riportato il quesito posto. Ciascun elettore ha diritto di esprimere il voto tracciando un segno sul riquadro corrispondente alla risposta prescelta ("sì" o "no").

Le operazioni di scrutinio avranno inizio lunedì 2 giugno a partire dalle ore 8.00. Il quesito sottoposto a referendum è approvato se ha partecipato alla votazione la maggioranza degli elettori e se la risposta affermativa raggiunge la maggioranza dei voti validamente espressi.Entro sessanta giorni dalla proclamazione dei risultati del referendum consultivo, se l'esito è favorevole, il Presidente della Regione è tenuto a proporre al Consiglio della Valle un disegno di legge sull'oggetto del quesito sottoposto a referendum.

Per i disabili sono previsti percorsi privi di barriere architettoniche. Indipendentemente dalla sezione in cui si è iscritti, è dunque assicurata la possibilità di recarsi in un seggio facilmente raggiungibile. Il Comune potrà inoltre organizzare eventuali speciali servizi di trasporto per facilitare l'affluenza alle urne. I non vedenti e gli invalidi impossibilitati a esprimere il proprio voto autonomamente possono essere accompagnati in cabina da una persona di loro fiducia.

Gli interessati potranno richiedere al Comune di iscrizione elettorale l'annotazione sulla tessera elettorale personale del diritto al voto assistito (simbolo o codice Avd), presentando idonea documentazione prima delle consultazioni. Nel caso in cui la tessera sia priva di tale indicazione o l'impedimento non sia evidente, gli elettori aventi diritto ad essere accompagnati dovranno esibire al seggio il certificato medico che dimostri l'infermità fisica impediente l'espressione autonoma del voto.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza