Battisti, il cappellano del carcere: "Ha chiesto di incontrarmi"

CRONACA
Battisti, il cappellano del carcere: Ha chiesto di incontrarmi

(Afp)

Cesare Battisti, al suo ingresso nel carcere di Oristano, ha chiesto di vedere il cappellano. "Ho già avuto un primo, breve, incontro ieri ma Battisti ha chiesto di rivedermi. Ci saranno altri incontri, come accade per tutti gli altri detenuti", spiega all'Adnkronos don Gabriele Cossu, il cappellano che porta il conforto spirituale ai detenuti del penitenziario sardo.


Il sacerdote non si sbilancia: "L'ho visto ieri per pochi minuti, è stato un incontro breve che non mi ha consentito di formarmi giudizi, ma ha chiesto di rivedermi. Del resto io sono molto presente con i detenuti, incontro i reclusi di tutte le religioni senza distinzione. A tutti porto il mio conforto spirituale. Accadrà anche con Battisti, come con tutti gli altri. Con lui avrò altri confronti".

Quanto alle polemiche sorte sulla spettacolarizzazione mediatica seguita all'arresto di Battisti, il cappellano taglia corto: "Dalla mattina alla tarda sera io sono in carcere per portare il mio conforto ai detenuti. Non ho visto nulla di tutto questo. Ma qui non c'è solo Battisti. Ieri sono arrivati tanti altri detenuti e io vado dove mi chiamano: il direttore e la polizia fanno lavorare molto bene il ministro di culto".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.