Cerca

Scuola, blitz a sorpresa di Conte a Norcia /

POLITICA
Scuola, blitz a sorpresa di Conte a Norcia /VIDEO

dall'inviata Ileana Sciarra - Blitz a sorpresa del premier Giuseppe Conte all’Istituto Tecnico e Liceo Classico 'Roberto Battaglia' di Norcia, la scuola dove ieri si è levato il grido ‘viva la scuola’, urlato dagli studenti entusiasti di far ritorno nelle classi dopo aver studiato per mesi nei container -prima del lockdown- a causa del terremoto del 2016. (VIDEO)
"Sono questi i giorni della ripartenza, é l'anno della fiducia, della speranza. Voi mi aver scritto ‘siamo il futuro e abbiamo il diritto di pretendere il meglio’. Voi avete ragione: dobbiamo dedicare i massimi sforzi per voi”, ha detto Conte.


Iragazzi sono stati fatti uscire nel cortile per un confronto col presidente del Consiglio, nel rispetto del distanziamento e delle regole previste per fronteggiare il Covid. Al suo arrivo, prima di fare il suo ingresso a scuola, Conte ha salutato dalle finestre alcune insegnanti alle prese con le lezioni, chiedendo se tutto fosse in ordine e se le mascherine fossero arrivate a destinazione. “Tutto ok, presidente”, ha risposto una docente interrompendo la lezione. "Che bei banchi, che belle sedie... cosa state studiando?", ha detto Conte facendo capolino, a sorpresa, da una finestra dell’istituto. “Filosofia...”, risponde la docente. “Una delle mie materie preferite - risponde Conte prima di entrare nella scuola - poi vengo a disquisirne con voi”.

Ieri l’inaugurazione della nuova scuola, in via Lombrici, a due passi dal centro storico, un taglio del nastro accompagnato dall’entusiasmo di studenti e docenti. Il premier è stato accolto dal sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. Con lui il commissario alla ricostruzione Giovanni Legnini.

“Abbiamo lavorato per garantire il rientro a scuola con la didattica in presenza. Siamo consapevoli delle difficoltà ma abbiamo lavorato e continueremo a farlo per garantirla. Ho apprezzato molto le parole ieri del presidente Mattarella, la scuola non può essere il luogo delle polemiche, ma richiede il sostegno di tutti. E’ l’ennesima sfida, ma io Sono convinto che la vinceremo tutti insieme", ha affermato Conte.

Quindi, rivolto gli studenti dell’istituto Battaglia, ha sottolineato: “Siete doppiamente sofferenti, avete fatto i conti col sisma prima e con il Covid che ha portato al lockdown. Ho voluto essere qui per portarvi la testimonianza della vicinanza del governo e della nazione intera”.

Poco prima di dare la parola al presidente del consiglio, una studentessa ha raccontato la vita a Norcia dopo il terribile sisma: “Non ci siamo mai persi d'animo, abbiamo combattuto fino alla fine”, le parole della giovane. Giovani che il premier ha visto nel gennaio scorso, quando vennero con i professori a manifestare a Roma il loro disagio, costretti a far lezione nei container. “Eravate in attesa di un nuovo istituto - dice Conte - ci eravamo incontrati a gennaio scorso e mi avete chiesto la possibilità di rientrare in vere aule. Mi avete chiesto un impegno ne è nato un percorso che abbiamo fatto insieme”, governo, protezione civile, enti locali: “perché le sfide si vincono insieme”.

“Grazie a uno sforzo collettivo - Dice ancora il presidente del Consiglio - oggi siamo qui, in questo istituto. Purtroppo il lockdown ha ritardato il rientro nelle aule a Pasqua, ed è la ragione per cui son qui, non solo perché abbiamo completato i lavori, ma perché siete una realtà doppiamente sofferente, colpita dal sisma e dal Covid. Quindi ho voluto dedicare la mia prima uscita, dopo il monitoraggio di ieri sulla scuola con i ministri: non è solo un fatto simbolico ma sostanziale, testimonianze della vicinanza del governo a questa comunità simbolo . La Scuola e’ un momento di aggregazione, di ripartenza... e noi ripartiamo da qui”.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.