cerca CERCA
Giovedì 25 Febbraio 2021
Aggiornato: 01:01
Temi caldi

Internazionali Tennis, Spadafora: "Perplesso su Cts che sconsiglia pubblico"

08 settembre 2020 | 12.24
LETTURA: 5 minuti

La lettera inviata dal ministro dello Sport al presidente della Federtennis, Angelo Binaghi. E il numero uno Fit attacca: "Agli Internazionali compiuto omicidio senza chiaro colpevole". Biglietti rimborsati con supervoucher

alternate text
Fotogramma
Roma, 8 set. (Adnkronos)

“Caro presidente Binaghi, purtroppo per impedimenti di carattere personale non mi consentono di partecipare, come avrei voluto, alla conferenza stampa di presentazione degli Internazionali Bnl d’Italia, il più importante torneo tennistico italiano in campo maschile e femminile. Questa edizione, a differenza delle precedenti, si svolgerà seguendo tempi, calendari e modalità diverse, a causa della pandemia che ha così duramente colpito il nostro Paese e modificato ogni aspetto della nostra vita”. Questo il testo della lettera inviata dal ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, al presidente della Federtennis, Angelo Binaghi, in occasione della presentazione degli Internazionali Bnl di tennis.

“Come sai la decisione del Comitato Tecnico Scientifico di sconsigliare la partecipazione a un numero limitato e controllato di spettatori ha destato le mie perplessità. Per questo motivo, nei giorni scorsi, ho scritto al Ministro della Salute, Roberto Speranza, chiedendo che il Comitato Tecnico Scientifico possa svolgere approfondimenti, anche attraverso l’audizione di rappresentanti del Dipartimento per lo Sport: credo infatti sia fondamentale poter garantire alle competizioni sportive almeno le stesse regole e procedure previste per gli eventi culturali -ha aggiunto Spadafora-. Ieri il Ministro Sparanza ha risposto alla mia nota chiedendo al Cts di voler calendarizzare a breve questo incontro, ma so bene che tempistiche così ristrette difficilmente potranno incidere sulle procedure organizzative della Federazione per questa edizione degli Internazionali. Sono certo che la Società Sport e Salute saprà sostenere la Fit in questo difficile passaggio”, ha proseguito il ministro Spadafora.

“Al di là di questo aspetto, sono certo che gli Internazionali sapranno regalare agli appassionati momenti di sport di altissimo livello che lasceranno tutti noi senza fiato. La bellezza dello sport, e in particolar modo del tennis, farà vivere a ciascun tifoso giorni di grande emozione e di intensa partecipazione. Un sentito ringraziamento va agli organizzatori, agli atleti, ai giudici di gara, agli sponsor e a tutti coloro, penso ai giovani e ai lavoratori sportivi, che hanno reso possibile confermare gli Internazionali, un appuntamento irrinunciabile del calendario sportivo”, ha concluso Spadafora.

Biglietti rimborsati con supervoucher

BINAGHI - “Questa conferenza ce la ricorderemo per molto tempo, non solo per questa originale location per dare maggiore sicurezza a tutti. Ci sono tante prime volte. Dobbiamo ringraziare il ministro dello sport e il suo staff. Grazie all’azione del dott. Pierro e del dipartimento sport che ha chiesto e ottenuto il provvedimento per far venire giocatori da Stati Uniti e giocare senza la lunga quarantena prevista per chi arriva dagli Usa. E dobbiamo ringraziare il ministro per quanto non è riuscito a fare: consentire di avere agli Internazionali almeno un pubblico ridotto. La pandemia crea grandissime difficoltà per un evento come questo”. Lo ha detto il presidente della Fit Binaghi durante la presentazione degli Internazionali.

“Prima volta che non presenteremo il record di pubblico ma dovremo lottare per arrivare al pareggio di bilancio. E’ una grave ingiustizia che stiamo subendo e cercheremo di fare in modo che a pagare siano le nostre società di base”, ha aggiunto duro Binaghi. “Abbiamo vinto il primo set dell’organizzazione, abbiamo perso il secondo set per portare il pubblico al tie break, ora c’è il terzo e lo giocheranno i nostri giocatori e giocatrici”.

“E’ una enorme ingiustizia che altri sport in tante altre regioni d'Italia, vengono autorizzate a manifestazioni sportive anche indoor con la presenza di migliaia di persone. Abbiamo inviato al Cts due protocolli differenti, eravamo disposti a fare qualunque cosa affinchè il pubblico potesse essere presente anche in misura molto minore di quanto il governo francese ha fatto con il Roland Garros. Abbiamo presentato al cts lo stesso protocollo della federazione francese, non c’è stato niente da fare”, ha aggiunto Binaghi.

“Non vedendo risposte la settimana scorsa io e Cozzoli abbiamo chiesto invano un incontro urgente al presidente della Regione Lazio, quella in cui il nostro torneo genera un indotto stimato di oltre di 100 milioni di euro l’anno. La sera del 4 settembre ci ha scritto tramite il capo gabinetto e spiegato di non volersi prendere la responsabilità dell’ingresso del pubblico come chiesto dal Cts e ci ha comunicato di volersi adeguare alle raccomandazioni del Cts sulle porte chiuse. Il danno è enorme", ha proseguito Binaghi.

"Lo è per la federazione, e per sport e salute e lo è sportivo per i nostri giocatori, lo è economico per le aziende e per tutte quelle che avrebbero lavorato e per l’indotto. Ma lo è per tutte le altre regioni, se ci avessero detto per tempo qualcosa, il loro orientamento, come a Cincinnati, avremo spostato il torneo a Genova, in Puglia, ci sarebbero state molte regioni e location dove fare il torneo in forma ridotta per il pubblico”, ha spiegato ancora il n.1 della Fit.

“Non disputare il torneo sarebbe stato più economico. Abbiamo deciso insieme al ministro. Il rapporto è stato sempre ottimo, anche dal punto di vista personale, e ci ha spinto verso quella che sarebbe stata la nostra scelta. Abbiamo grandi difetti ma nessuno ci può dire che non siamo dei lottatori. Ad un certo punto c’è stato un cambio di riferimento e c’è stata la possibilità che si arrivasse a compiere un omicidio senza che ci sia un chiaro colpevole. Gli atti che io ho citato credo consentano a chi ha preso queste decisioni di assumersi le responsabilità”, ha continuato Binaghi.

“Vorrei sottolineare come sia assurdo che siano consentiti 1000 spettatori ad un qualsiasi piccolo evento e non possano assistere ad una manifestazione in un posto più grande, in condizioni di maggiore sicurezza. A casa mia questa si chiama una idiozia. Dovrebbe essere responsabilità delle persone, del ruolo, dell’onesta intellettuale e fare in modo che grandi idiozie non creino grandi danni. Tutto si può dire tranne che non fossero protocolli efficienti. Prevedevano tre impianti, uscite scaglionate per file. Il nostro secondo protocollo è stato inviato l’11 di agosto e non è stata aperta la mail dalla Regione Lazio fino al 18 e questo crea grande dispiacere, la solita anomalia tutta romana. Quando andiamo a proporre cose più piccole in altre parti d’Italia ci fanno ponti d’Oro. Qui chiediamo un incontro ad un presidente e non veniamo neanche ricevuti. Siamo sportivi, sappiamo che si vince e si perde”, ha aggiunto Binaghi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza