cerca CERCA
Mercoledì 29 Settembre 2021
Aggiornato: 00:01
Temi caldi

Italia terza in Ue per produzione farmaci, +19% in 7 anni

10 giugno 2014 | 12.10
LETTURA: 4 minuti

alternate text

(Adnkronos Salute) - Per produzione farmaceutica, la Svizzera si posiziona al primo posto in Europa (17%), seguita da Germania (13,7%) e Italia (12,2%). Nel nostro Paese, la produzione si è attestata su un totale di 25,7 miliardi di euro, con un trend di crescita del 19% rispetto al 2005: un dato positivo a fronte della decrescita registrata da Paesi come la Francia (-35%). Le esportazioni si attestano per l'Italia su 17,2 miliardi di euro, mentre Germania e Svizzera insieme concorrono a un terzo dell'export farmaceutico totale (107 miliardi di euro). Sono i dati emersi oggi in occasione del convegno 'Crescere in salute in Italia e in Europa. Le priorità del semestre di presidenza italiana dell'Ue', promosso da I-Com (Istituto per la competitività).

La spesa dell'industria farmaceutica in produzione, ricerca, beni intermedi e salari - rivela il Rapporto I-Com - contribuisce al Pil dei principali Paesi Ue per un valore pari a circa l'1%. Fa eccezione la Svizzera, che esprime un valore pari a circa il 5%, in virtù di una capacità produttiva e di investimento ben sopra la media. Complessivamente, l'impatto del settore sul valore aggiunto varia dai 23 miliardi della Svizzera ai 9,6 miliardi della Spagna. Per l'Italia il dato sorpassa di poco i 14 miliardi di euro, superiore alla media degli altri produttori europei.

Il maggiore moltiplicatore di spesa è quello italiano: per ogni euro speso per la produzione farmaceutica, si generano 2,09 euro ripartiti su tutti i settori dell'economia nazionale. Per questa ragione, l'impatto della spesa sulla produzione è in Italia superiore a quello svizzero (33,1 miliardi contro 32,8). La spesa per la produzione farmaceutica ha creato 168.000 posti di lavoro in Italia, 153.000 in Germania, 113.000 nel Regno Unito. L'Italia è però indietro rispetto ai partner europei sulla ricerca, con un investimento inferiore a 1,5 miliardi l'anno, pari al 6,6% degli investimenti totali nella R&S contro l'11,6% della Francia e il 16,5% del Regno Unito.

In generale l'Europa, con 210 miliardi di euro, supera gli Usa (143 mld) e Giappone (68) per capacità produttiva, con un trend di crescita del 22% rispetto al 2005. Tra il 2005 e il 2012, gli investimenti in R&S sono cresciuti del 38% in Europa, del 17% in Giappone e del 6% negli Usa. Anche l'Italia esprime un trend positivo (+22%) ma tra i più bassi nel vecchio continente. Nel 2012 l'Europa conferma la propria maggiore propensione a investire: 30 miliardi spesa complessiva.

L'industria farmaceutica e quella delle tecnologie medicali rappresentano dunque un comparto cruciale per la competitività, rispetto al quale l'Italia e gli altri Paesi europei stanno esprimendo una decisa leadership, sul fronte della capacità produttiva, delle esportazioni e della Ricerca&Sviluppo. Lo studio I-Com, curato da Stefano da Empoli, Davide Integlia e Nicola Salerno, mette in luce la dimensione dell'industria del farmaco nei mercati europei e mondiali e l'impatto su variabili macroeconomiche, sistemi sanitari e filiere produttive.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza