cerca CERCA
Venerdì 27 Maggio 2022
Aggiornato: 04:56
Temi caldi

Malattie rare: consegnato il premio giornalistico Omar

27 febbraio 2014 | 19.16
LETTURA: 2 minuti

Roma, 27 feb. (Adnkronos Salute) - Si è tenuta oggi, in occasione del Rare Disease Day 2014, presso l'Auditorium San Paolo dell'ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, la cerimonia di premiazione della seconda edizione del premio giornalistico Omar per le malattie e i tumori rari organizzato dall'Osservatorio malattie rare , insieme a Telethon, Orphanet Italia, Uniamo fimr onlus e il Centro nazionale malattie rare dell'Istituto superiore di Sanità (Cnmr/Iss). L'iniziativa nasce per promuovere nei media una migliore sensibilità ai diversi aspetti delle malattie rare e un approccio alla comunicazione in risonanza con le molteplici problematiche vissute dai pazienti.

I sette premi sono stati assegnati a: Antonella Patete, vincitrice del premio 'stampa' con l'articolo 'Siamo bassi, e allora?', approfondimento sull'acondroplasia, malattia che rende i soggetti più bassi, ma per il resto identici agli altri; Lidia Scognamiglio ha vinto il premio 'video' con un servizio, in onda sul Tg 2 Medicina 33, dedicato alle 'Nuove cure per la protoporfiria eritropoietica', una malattia rara che impedisce di esporsi al sole e oggi curabile; il Premio 'politiche sanitarie' offerto da Shire Italia è andato ad Andrea Gentile, Francesco Barilli e Matteo Fenoglio per il fumetto, pubblicato su Wired, che affronta il caso Stamina dal punto di vista del paziente; premio 'Malattie rare del polmone' offerto da Intermune a Ilaria Vacca, che su Disabili.com ha spiegato l'importanza di rivolgersi a centri specializzati; si aggiudica il Premio 'Tumori rari', offerto da Celgene, Vera Martinella, che con l'articolo 'Il mio tumore? Il bilancio è positivo', su 'Sportello Cancro' del Corriere della Sera, ha saputo dare un messaggio importante: un tumore raro non è una sentenza di morte. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza