cerca CERCA
Venerdì 12 Agosto 2022
Aggiornato: 17:46
Temi caldi

Mose: magistrati C.Conti, sconcerto e amarezza per fatti accertati

06 giugno 2014 | 12.28
LETTURA: 2 minuti

L'Associazione Magistrati della Corte dei conti, in relazione all'inchiesta sul Mose di Venezia che vede coinvolto un magistrato della Corte dei conti in pensione, "pur nel rispetto del principio della presunzione di non colpevolezza stabilito dalla nostra Costituzione", esprime "sconcerto ed amarezza per i fatti fin qui accertati a seguito delle indagini e contestati allo stesso magistrato, che - se confermati anche in sede processuale - si rivelerebbero di assoluta ed estrema gravità, anche per l'inevitabile riflesso che essi hanno sull'immagine della Corte dei conti e dei suoi magistrati, che quotidianamente svolgono il loro lavoro con impegno, senza clamore, e con assoluta onestà".

Al riguardo, nell'esprimere piena "fiducia nell'operato della magistratura e nel sereno corso della giustizia penale, nel rilevare che i fatti contestati si riferiscono allo svolgimento delle funzioni istituzionali del magistrato coinvolto nell'inchiesta", comunica di aver chiesto al Consiglio di Presidenza della Corte dei conti di "disporre con assoluta urgenza e senza indugio, a norma di regolamento, l'attivazione di una indagine interna, o di verifiche ispettive, volte ad accertare eventuali irregolarità in ordine a tutti gli atti di cui si è occupato, nello svolgimento delle sue funzioni, l'ex magistrato contabile e che vengono in rilievo nella vicenda del Mose, oltre che a fare chiarezza sulla questione a salvaguardia dell'integrità e della correttezza istituzionale della Corte dei conti e della onorabilità personale e professionale di tutti i magistrati della Corte dei conti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza