cerca CERCA
Venerdì 01 Luglio 2022
Aggiornato: 10:07
Temi caldi

Pillola dell'aborto, ecco come funziona la RU486

06 aprile 2017 | 13.48
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Foto Fotogramma)

La pillola abortiva Ru486 potrebbe essere distribuita nei consultori familiari, dunque anche al di fuori degli ospedali, in regime ambulatoriale. Ma come funziona il farmaco che consente di interrompere la gravidanza senza sottoporsi a intervento chirurgico? E' da premettere che ogni Paese in cui la pillola abortiva è commercializzata ha delle regole e delle scadenze precise: la Ru486 può infatti essere assunta entro un certo periodo di tempo, calcolato in settimane, che varia da nazione a nazione.

In Italia, accertato con un'ecografia che la gravidanza sia all'interno dell'utero e di un periodo inferiore a sette settimane, e completate le procedure della legge 194, il medico somministra il mifepristone. Questa molecola blocca i recettori del progesterone sulla mucosa e sulla muscolatura dell'utero, aumentandone l'eccitabilità e favorendo la dilatazione del collo. Nel 70% dei casi l'interruzione di gravidanza avviene entro le 4 ore dalla somministrazione del primo farmaco, nel restante 30% entro le 24 ore successive.

Trascorse 24-36 ore, viene somministrata una prostaglandina che induce contrazioni uterine ed espulsione dei tessuti embrionali. Nel 70% dei casi l'espulsione del feto avviene entro le 4 ore. Il ricorso all'intervento chirurgico è necessario nel 2% dei casi. Fino a ora, dopo circa 10-14 giorni, la donna torna in ospedale per il controllo. L'Emea, nelle sue indicazioni, non prevede il ricovero.

In Italia, le linee guida per la somministrazione della pillola abortiva Ru486 prevedono che il farmaco venga "somministrato esclusivamente in regime di ricovero ospedaliero, in linea con il parere del Consiglio superiore di sanità e la determina dell'Agenzia italiana del farmaco".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza