cerca CERCA
Mercoledì 18 Maggio 2022
Aggiornato: 14:32
Temi caldi

Salute

Salute: procura Torino procura avvia inchiesta su farmaco diabete, rischio cancro

18 marzo 2016 | 15.25
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma)

La procura di Torino ha avviato un'inchiesta, condotta dai Nas, su un farmaco per la cura del diabete che potrebbe aumentare il rischio di cancro alla vescica. L'inchiesta è partita da un esposto presentato dall'associazione Promesa (Protezione professioni mediche e sanitarie). L'ipotesi di reato è commercio o somministrazione di medicinali guasti. A presentare l'esposto a nome dell'associazione l'avvocato Riccardo Salomone in cui spiega che "alcuni studi epidemiologici hanno sollevato taluni dubbi in termini di sicurezza del pioglitazone (principio attivo del medicinale Actos prodotto dalla Takeda Pharmaceutical Co e dalla Eli Lilly Co, ndr) che hanno comportato alcuni warning da parte delle autorità regolatorie nazionali e internazionali che in alcuni casi hanno portato alla sospensione del farmaco".

Inoltre, nella denuncia il legale di Promesa ricorda che "nel luglio 2008 è stato avviato uno studio sperimentale dal nome Tosca, finanziato dall'Aifa, che aveva la finalità di valutare gli effetti sul l'incidenza di eventi cardiovascolari dell'aggiunta di pioglitazone alla metformina in pazienti con diabete mellito di tipo II (quello più comune, ndr)". "Il nostro obiettivo è avere chiarezza, vogliamo sapere se il farmaco, oggi ancora prescrivibile in Italia, è pericoloso oppure no. Della vicenda si sono interessati anche diversi senatori, ma dopo più di un anno dal ministero ancora non abbiamo avuto risposte né sulla eventuale pericolosità del farmaco né sugli esiti dell'indagine Tosca. Ora vogliamo sapere, anche per tutti i pazienti che sono sottoposti all'uso del farmaco".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza