cerca CERCA
Domenica 05 Febbraio 2023
Aggiornato: 23:55
Temi caldi

Ricerca: nativi digitali sempre connessi ma poco attenti a sicurezza

16 maggio 2014 | 18.57
LETTURA: 2 minuti

Milano, 16 mag. (Adnkronos Salute) - Vent'anni, iperconnessi, poco attenti alla sicurezza. E' l'identikit dei nativi digitali, tracciato da una ricerca dell'università di Milano-Bicocca e del Tech and Law Center (prima fase del progetto 'Security of the digital natives'), condotta su 1.012 studenti di 20 università italiane. Alcuni dati saranno presentati domani al Wired Next Fest, festival dell'innovazione organizzato dal mensile Wired Italia a Milano. Quasi tutti i ventenni, rileva l'indagine, usano i social network ma il 40% non ha un Pin di protezione per il dispositivo mobile, non effettua il 'log out' per uscire dalle app e quasi il 20% non fa una cancellazione sicura dei dati, nel caso in cui venda o presti il suo smartphone.

La ricerca, presentata da Andrea Rossetti, docente di Informatica giuridica e filosofia del diritto della Bicocca e da Giuseppe Vaciago, docente del Tech and Law Center, indaga sul livello di consapevolezza della sicurezza informatica da parte degli studenti universitari con particolare attenzione al mondo dei dispositivi mobili. Dall'indagine emerge che il 75% dei ragazzi usa quotidianamente lo smartphone per andare online, e l'85% per l'instant messaging (da Whatsapp a Skype). Solo il 25% invece lo usa per i videogiochi online o altre app. Dunque, concludono i ricercatori, "sembra che l'esigenza primaria sia quella di comunicare". Peccato che essere nativi digitali non implichi consapevolezza dei "rischi legati ad alcuni comportamenti", aspetto abbinato a "un'errata percezione delle proprie conoscenze". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza