cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 12:05
Temi caldi

Sanita': con ginecologia dolce l'ospedale risparmia 50 mila euro l'anno

05 giugno 2014 | 14.34
LETTURA: 3 minuti

Milano, 5 giu. (Adnkronos Salute) - Meno dolore, rischio minimo di traumi e complicanze, ricoveri e convalescenza più brevi. Sono i vantaggi della chirurgia ginecologica dolce che senza bisturi, attraverso il canale vaginale, permette di intervenire in modo mini-invasivo nella maggior parte delle patologie intime 'in rosa'. Un approccio che non taglia la paziente, ma taglia la spesa per il Servizio sanitario nazionale: ogni anno 50 mila euro in meno per un singolo ospedale che, a parità di intervento, applichi la metodica transvaginale al posto della laparoscopia. Entrando cioè da un 'tunnel' naturale, invece che da buchi praticati nell'addome, per sfilare il tessuto malato o ripararlo.

A calcolare per la prima volta il risparmio della chirurgia ginecologica 'ultra-soft' è uno studio dell'università Liuc di Castellanza, in provincia di Varese, che ha analizzato l'esperienza dell'azienda ospedaliera di Legnano nel Milanese, dove è bisturi-free almeno il 60% degli interventi di ginecologia (oltre 350 all'anno). E che da oggi al 7 giugno ospita un Corso di formazione che ha richiamato 'camici verdi' da tutta Italia. Lo studio è stato condotto dall'ingegner Alessio Damonti come tesi di un corso di perfezionamento in Health Technology Assessment (Hta), sotto il coordinamento di Emanuele Porazzi, docente della Scuola di ingegneria industriale Liuc e ricercatore del Crems (Centro di ricerca in economia e management in sanità e nel sociale) dell'ateneo.

Nell'ambito di un'analisi Hta negli ospedali pubblici e privati, è stata confrontata la chirurgia ginecologica transvaginale con quella laparoscopica nei presidi di Legnano e Magenta. "Abbiamo comparato tutte le fasi, dal pre al post-ricovero, in una tipologia di intervento e nell'altra - spiega Damonti all'Adnkronos Salute - ed è risultato che il costo totale di un intervento in colpoceliotomia (via transvaginale) è stato di 1.336 euro, contro i 1.789 della laparoscopia". Circa 450 euro di differenza che "nell'arco di un anno, considerando la casistica legnanese sulla quale abbiamo lavorato (118 interventi per via vaginale e 48 laparoscopie), producono un risparmio complessivo pari a circa 50 mila euro". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza