Cerca

Dijsselbloem boccia Renzi: "Proposta fuori da regole Ue"

ECONOMIA
Dijsselbloem boccia Renzi: Proposta fuori da regole Ue

"Non ho letto l'intervista, ma" la proposta di mantenere un deficit per l'Italia del 2,9% per cinque anni "sarebbe fuori dalle regole. Non è una decisione che un Paese può prendere da solo". Lo afferma il presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, a margine della riunione dei ministri dell'Eurozona a Bruxelles, in merito alla proposta avanzata dal segretario del Pd Matteo Renzi, che prevede un 'do ut des' con la Ue, per cui l'Italia si impegna a ridurre il debito ma in cambio tiene il deficit al 2,9% per cinque anni, in modo da utilizzare il margine aggiuntivo per spingere la crescita economica.


RENZI - "Abbiamo una battaglia aperta con presidente dell'Eurogruppo, ricorderete che disse che gli italiani spendevano i soldi della flessibilità in donne e alcol..." ha detto Renzi a Rmc, commentando le parole di Dijsselbloem sulla proposta 'back to Maastricht' per i conti pubblici italiani.

"C'è un pregiudizio di alcuni dirigenti europei come il presidente dell'Eurogruppo, che alle sue elezioni ha preso il 5% e che poi non ha letto la proposta. Noi dobbiamo ridurre il debito, ma di fiscal compact e di austerity l'Europa muore", ha aggiunto il segretario del Pd.

Intanto, dalla Commissione europea, si fa sapere che "il presidente Jean-Claude Juncker ha un rapporto molto buono con il primo ministro italiano Paolo Gentiloni e i nostri commissari hanno rapporti ugualmente buoni con il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. La Commissione non commenterà i commenti che vengono dal di fuori di questo circolo di persone in carica" ha detto il portavoce capo della Commissione, Margaritis Schinas.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.