Voucher, le 4 domande a Di Maio

ECONOMIA
Voucher, le 4 domande a Di Maio

(Fotogramma)

Uno spazio pubblicitario a pagina 16 del 'Corriere della Sera' per contestare l'allargamento "indiscriminato" dell'uso dei voucher nel turismo. L'iniziativa è di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil che firmano un avviso a pagamento nel quale rivolgono al ministro dello sviluppo, Luigi Di Maio, che ha inserito nel Dl Dignità ora all'esame dell'aula della Camera l'estensione dei voucher, 4 domande.


"Come si può dichiarare guerra alla precarietà e nel frattempo ampliarne il loro utilizzo che compromette tutele e diritti dei lavoratori a partire da quelli più giovani? E' giusto creare per decreto lavoratori di serie A e di serie B? C'è davvero la necessità di regalare alle imprese altra flessibilità non contrattata che consentirà di pagare meno e di utilizzare a piacimento chi lavora? I voucher non rischiamo di soffocare il lavoro buono e istituzionalizzare quello cattivo?", chiedono i sindacati, offrendo al ministro già una risposta.

"Il settore del Turismo ha bisogno di investimenti, politiche di sviluppo, lavoro di qualità e di salari dignitosi non di istituti normativi che rendono il lavoro più precario ed il destino di tanti lavoratori più incerto", dicono sollecitando Di Maio a modificare il decreto. "Siamo ancora in tempo per imprimere un cambiamento e una svolta ad un provvedimento sbagliato ed iniquo", concludono.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.