Huawei inaugura nuova sede a Milano

ECONOMIA
Huawei inaugura nuova sede a Milano

I nuovi uffici Huawei a Milano (Fotogramma)e

Il colosso cinese delle tlc Huawei inaugura la nuova sede di Milano, al Lorenteggio Village. L'inaugurazione avviene nel quindicesimo anno di presenza di Huawei in Italia, che nel 2008 ha aperto il centro di competenza di ricerca e sviluppo dedicato alle tecnologie microwave e alle alte frequenze, diventato poi centro globale nel 2011, e nel 2016 il Joint Innovation Center dedicato alle smart city in collaborazione con la Regione Sardegna. Mentre nel 2019 è prevista l’apertura di un secondo centro globale di ricerca e sviluppo dedicato al design. "Negli ultimi 18 anni -ha detto Abraham Liu, vice presidente di Huawei Europa- Huawei e l'Europa sono cresciuti insieme. L'Europa è ora il nostro più grande mercato al di fuori della Cina e nell'ultimo decennio Huawei ha fornito prodotti e servizi nel Vecchio Continente per circa 40 miliardi di dollari, creando posti di lavoro per decine di migliaia di persone".


Thomas Miao, ceo di Huawei Italia, ha sottolineato che “l’apertura di una nuova sede risponde non solo alle esigenze di crescita dell’azienda, che ad oggi impiega oltre 800 persone in tutta Italia, di cui l’85% locali, ma alla volontà di aprire le porte a operatori e aziende pubbliche e private per conoscere e toccare con mano le innovazioni e le soluzioni Ict con cui ci proponiamo di continuare a contribuire alla digitalizzazione del Paese”.

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha parlato di "un atto di fiducia su Milano, con Huawei che continua a investire sulla città. Le grandi città sono il laboratorio dell’evoluzione del vivere sociale. Gli italiani sono disponibili al cambiamento e a sperimentare nuove tecnologie e noi come Milano siamo disponibili a essere una straordinaria area test”.

Nell’area dell’Iecc, l’Innovation, Experience and Competence Center di Huawei, è possibile sperimentare la visione tecnologica del gruppo, con le soluzioni per le smart city e per i mercati verticali. Nell’area espositiva l’Intelligent Operation Center mostra come la gestione in tempo reale del traffico, il monitoraggio climatico-ambientale, l’ottimizzazione dei trasporti e dei parcheggi, la raccolta intelligente dei rifiuti e la gestione smart dell’energia si traducano in una migliore qualità di vita e una migliore gestione delle risorse pubbliche.

Altri spazi sono dedicati al 5G, alle soluzioni per la smart transportation e le auto connesse e alle smart grid, le reti intelligenti per la gestione dell’energia.

"Il nostro Iecc -ha continuato Miao- è un elemento simbolo della collaborazione con tutto l’ecosistema, all’insegna dell’apertura e della trasparenza. Un ecosistema, quello milanese e lombardo, che con le sue aziende e le sue università, già nostre partner in importanti progetti di ricerca, costituisce il motore dell’innovazione e dello sviluppo del Paese e che può trovare in Huawei un partner a lungo termine. Siamo oggi uno dei maggiori investitori esteri in Italia, a Milano, in particolare, abbiamo aperto il nostro primo ufficio nel 2004, con una decina di dipendenti, e oggi con la partecipazione al trial 5G, contribuiamo al percorso verso una smart city all’avanguardia, ben oltre i confini nazionali".

Huawei: "Nessun impatto in Italia da disputa Usa-Cina"



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.