cerca CERCA
Lunedì 26 Luglio 2021
Aggiornato: 22:42
Temi caldi

Ambiente: tutela importante per il 95% dei cittadini europei

09 settembre 2014 | 13.26
LETTURA: 4 minuti

E' opinione comune che un uso efficiente delle risorse naturali e la protezione dell'ambiente possano stimolare la crescita

alternate text

A tre anni dall'ultimo sondaggio Eurobarometro dedicato alla tutela ambientale, nonostante la crisi economica la preoccupazione dei cittadini europei nei confronti dell'ambiente non si è affievolita. Il consenso è pressoché unanime: il 95% dei 28.000 intervistati ha dichiarato di ritenere la tutela dell'ambiente importante a livello personale e molti pensano che si possa fare di più.

"Ci rincuora constatare che anche in questi tempi difficili la tutela dell'ambiente gode di un sostegno solido e diffuso - commenta Janez Potočnik, commissario per l'Ambiente - I cittadini sono particolarmente preoccupati in merito all'inquinamento di aria e acqua, alle sostanze chimiche e ai rifiuti e credono che si debba tutti fare di più per proteggere l'ambiente".

Una grande percentuale degli intervistati è dell'opinione che un uso efficiente delle risorse naturali (79%) e la protezione dell'ambiente (74%) possano stimolare la crescita. Se l'80% di loro ritiene che l'economia incida sulla qualità della vita, il 75% pensa che anche lo stato dell'ambiente abbia un impatto analogo e il 77% dei cittadini dell'Ue crede che i problemi ambientali si ripercuotano direttamente sulla loro vita quotidiana.

La maggior preoccupazione è destata dall'inquinamento, in primo luogo dell'aria (56%) e dell'acqua (50%), accanto alla produzione di rifiuti e all'esaurimento delle risorse naturali. Un numero sempre crescente di intervistati (59%) ritiene che, per misurare i progressi nei rispettivi Paesi, i fattori sociali e ambientali dovrebbero essere considerati importanti tanto quanto i criteri economici.

In relazione alla spesa e agli investimenti delle amministrazioni pubbliche nazionali, il 59% degli intervistati è del parere che queste ultime dovrebbero tenere in maggior conto l'ambiente rispetto ai costi. Rispetto al 2011, sempre più cittadini (75%) dichiarano di essere pronti ad acquistare prodotti rispettosi dell'ambiente, anche se ciò comporta costi leggermente più elevati.

La stragrande maggioranza (93%) ritiene che i grandi inquinatori debbano risarcire i danni ambientali causati. L'introduzione di sanzioni più pesanti per i trasgressori è considerata il modo più efficace di affrontare i problemi ambientali.

L'85% degli europei reputa di avere un ruolo da svolgere nella protezione dell'ambiente e la maggior parte ha cominciato a comportarsi e ad agire di conseguenza; le tre attività più diffuse risultano essere la separazione dei rifiuti destinati al riciclaggio (72%), nonché la riduzione del consumo energetico (52%) e del consumo idrico (37%).

Sebbene un numero sempre maggiore di cittadini ritenga di essere ben informato sull'ambiente in generale, il 39% sente il bisogno di saperne di più circa l'impatto che le sostanze chimiche utilizzate nei prodotti di uso quotidiano hanno sulla salute.

Una significativa maggioranza ha la sensazione che si possa fare di più per proteggere l'ambiente. Il 77% considera che le grandi imprese e l'industria non si stiano impegnando a sufficienza; il 70% è della stessa opinione riguardo a chi governa il loro paese, mentre il 65% ritiene che anche i cittadini possano fare di più. La priorità identificate per i cittadini che desiderino tutelare l'ambiente sono: separare i rifiuti da riciclare (54%), ridurre il consumo di energia domestica (39%) e utilizzare i trasporti pubblici (39%).

Il 77% dei cittadini dell'Unione concorda nel ritenere che la normativa ambientale europea sia necessaria per proteggere l'ambiente nel loro paese; sei su dieci pensano che le decisioni in materia ambientale dovrebbero essere adottate congiuntamente all'interno dell'Ue. Il 79% crede inoltre che l'Ue dovrebbe poter verificare che le disposizioni legislative in materia di ambiente siano effettivamente applicate in modo corretto nel proprio paese di appartenenza.

L'84% vuole che una quota maggiore dei finanziamenti Ue siano destinati a sostenere attività rispettose dell'ambiente. Inoltre, la maggior parte dei cittadini (56%) si auspica un impegno ancora maggiore da parte dell'Ue per la protezione dell'ambiente.

Il più recente sondaggio Eurobarometro sull'ambiente è stato svolto a tre anni dal precedente. L'indagine è stata condotta nei 28 Stati membri dell'Unione europea tra il 26 aprile e l'11 maggio 2014, per valutare le percezioni, gli atteggiamenti e le pratiche dei cittadini dell'Ue in materia di ambiente. Sono stati intervistati per conto della Dg Ambiente, faccia a faccia e nella loro lingua materna, 27.998 cittadini provenienti da diverse fasce sociali e demografiche.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza