cerca CERCA
Domenica 05 Dicembre 2021
Aggiornato: 20:19
Temi caldi

Volkswagen accelera la trasformazione in fornitore di mobilità basata sul software

08 marzo 2021 | 14.27
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Volkswagen accelera la propria trasformazione in fornitore di mobilità basata sul software. Con la strategia Accelerate la marca si prepara ai profondi cambiamenti dell'industria automobilistica e, nello stesso modo in cui ha portato avanti con risolutezza la propria strategia elettrica, accelera su un altro tema fondamentale per il futuro della mobilità: l'integrazione del software nelle vetture e l'esperienza digitale del cliente, che diventeranno competenze chiave.

Nello sviluppare modelli di business basati sui dati, Volkswagen intende attirare nuovi clienti e sviluppare nuove fonti di profitto. Inoltre l'azienda renderà disponibile per molte persone la guida autonoma entro la fine del decennio.

«La mobilità elettrica è solo l'inizio: il vero cambiamento deve ancora arrivare. Con la nostra strategia Accelerate aumenteremo il ritmo della corsa verso il futuro. Nei prossimi anni, cambieremo la Volkswagen come mai prima d'ora» ha dichiarato il CEO della marca Volkswagen Ralf Brandstätter.

Con Accelerate il brand vuole affermarsi come marca più attraente per la mobilità sostenibile. L'azienda persegue tre valori strategici per accelerare questo processo: valore del Marchio, piattaforme scalabili e valore d'impresa; ciascuno di essi si manifesta in misure specifiche e obiettivi ambiziosi.

L'integrazione del software diventerà una competenza chiave della Volkswagen; i grandi volumi del Marchio assicureranno le necessarie economie di scala per il software nel Gruppo. La marca sta portando avanti lo sviluppo di un ecosistema digitale con la gamma ID. a fare da apripista. Per questo Volkswagen ha istituito l'unità di progetto ID.Digital che fornirà aggiornamenti over-the-air ogni 12 settimane a partire dall'estate 2021. Ciò consentirà alle vetture di disporre sempre del software più recente lungo l'intero ciclo di vita e migliorare costantemente grazie a nuove funzioni.

Una flotta totalmente connessa di oltre 500.000 vetture sarà su strada in due anni e attraverso di essa Volkswagen sarà in grado di trasferire il feedback diretto dei clienti sulle nuove funzioni. Volkswagen renderà anche la struttura dell'offerta di gamma molto meno complessa. Le prossime generazioni di vetture saranno prodotte in un numero di versioni molto più ridotto. La configurazione individuale non riguarderà più l'hardware dell'auto quando la si acquista. Quest'ultima avrà virtualmente tutto a bordo ed i clienti potranno aggiungere le funzioni desiderate a richiesta in qualsiasi momento attraverso l'ecosistema digitale di bordo. Ciò ridurrà in modo significativo la complessità della produzione.

Volkswagen intende inoltre accelerare ulteriormente la strategia globale elettrica: entro il 2030 aumenterà la propria quota di consegne di auto totalmente elettriche ad oltre il 70% in Europa, il doppio del 35% previsto finora. Negli Stati Uniti d'America ed in Cina Volkswagen ha l'obiettivo di raggiungere una quota di oltre il 50% nello stesso periodo. Per ottenere questi risultati lancerà almeno un nuovo modello 100% elettrico l'anno. La ID.4 GTX a trazione integrale debutterà nella prima metà del 2021 seguita dalla sportiva ID.5 nella seconda metà dell'anno. La ID.6 X/Cross, un SUV elettrico a sette posti per il mercato cinese, sarà lanciata in autunno.

I piani per un'auto elettrica di segmento inferiore alla ID.3, con un prezzo di partenza intorno ai 20.000 euro sono stati anticipati di due anni, al 2025. Nel 2026 infine i clienti potranno sperimentare per la prima volta in una vettura tutto ciò che Volkswagen sta pianificando per il futuro. In Trinity tutti gli elementi convergeranno insieme; l'auto creerà nuovi riferimenti in tre aspetti: tecnologia, modello di business 2.0 ed approccio alla produzione della fabbrica di Wolfsburg. Trinity permetterà il livello di guida autonoma 2+ sin dall'inizio e il livello 4 in futuro.

La vendita di circa 6 milioni di unità l'anno dà alla marca la massa critica necessaria per i volumi della guida autonoma e per diffonderla a livello mondiale. A cominciare da Trinity nel 2026 Volkswagen assumerà la guida all'interno del Gruppo attraverso l'istituzione di una rete neurale tra la sua flotta di vetture totalmente connesse, in cui le auto scambieranno continuamente dati per esempio sulle condizioni del traffico e su ostacoli o incidenti. Ciò permetterà a Volkswagen di creare un sistema di autoapprendimento con milioni di vetture che andrà a vantaggio dei clienti di tutte le marche del Gruppo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza