cerca CERCA
Domenica 22 Maggio 2022
Aggiornato: 18:25
Temi caldi

Pediatria: l'allarme, cervello dei bimbi più sensibile a Wi-Fi

14 gennaio 2015 | 12.56
LETTURA: 3 minuti

Una ricerca invita a stabilire dei limiti per i baby-nativi digitali, ma c'è chi critica le conclusioni

alternate text
- INFOPHOTO

E' un must per tecnostressati e Internet-maniaci, ma ora sembra che il Wi-Fi potrebbe rivelarsi un'insidia per il cervello dei bambini che smanettano con il tablet dei genitori. Uno studio piuttosto controverso, ma che sta facendo il giro del mondo, suggerisce a mamme e papà di cercare di limitare l'esposizione della prole al Wi-Fi, per il timore che le radiazioni possano danneggiare la loro salute. Il rapporto, pubblicato sul 'Journal of Microscopy e Ultrastructure', sostiene che i bambini assorbono più radiazioni degli adulti. Per questo le insidie, per loro, sarebbero maggiori.

I feti poi, stando al lavoro, sarebbero i più vulnerabili di tutti, tanto i ricercatori consigliano alle donne in attesa di non portare addosso, nei vestiti o in tasca, i telefoni cellulari. "I bambini assorbono più MWR rispetto agli adulti perché i loro tessuti cerebrali sono più 'assorbenti', i loro crani sono più sottili e la loro dimensione relativa è più piccola", si legge nel lavoro. Ma l'allarme non vede tutti d'accordo. La britannica Health Protection Agency sta monitorando da tempo la sicurezza la sicurezza del Wi-Fi. Secondo i dati i segnali radio emessi dai dispositivi hanno una potenza molto bassa. Dunque, riferisce il 'Daily Mail', sedere vicino a un dispositivo Wi-Fi per un anno equivale a ricevere la stessa dose di onde radio di una chiamata di 20 minuti al telefonino.

Il neurologo pediatrico Maya Shetreat-Klein sottolinea comunque che "le donne incinte devono sapere che le radiazioni wireless possono avere un impatto sullo sviluppo del cervello" dei piccoli. I ricercatori hanno esaminato studi sull'esposizione ai telefonini dal 2009 al 2014, insieme ai dati sulle radiazioni da cellulari. I limiti di esposizione sono rimasti uguali per 19 anni, ma i produttori degli smartphone specificano la minima distanza dal corpo dei prodotti per non superare questi valori. Per laptop e tablet la distanza minima dal corpo è di 20 cm.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza