cerca CERCA
Sabato 28 Maggio 2022
Aggiornato: 21:52
Temi caldi

Eurispes, Boldrini: "Con Covid 312mila donne senza lavoro? Paese così non si riprende"

13 maggio 2021 | 15.51
LETTURA: 2 minuti

L'ex presidente della Camera all'Adnkronos: "Disparità salariale tra uomo e donna il più grande furto della storia"

alternate text

"E' insopportabile, è giunto il tempo di appianare questa inaccettabile differenza: un paese non si riprende se non valorizza il capitale umano femminile". Laura Boldrini commenta così all'Adnkronos la notizia lanciata oggi dal Rapporto Italia dell'Eurispes, secondo cui le donne sono le più penalizzate dalla pandemia: nei primi dieci mesi si sono persi 444mila posti di lavoro, 312mila dei quali sono di donne, 132mila di uomini. "Già prima della pandemia i livelli occupazionali delle donne erano bassi rispetto alla media europea, solo il 49% delle donne lavorava a fronte del 62% della media -dice Boldrini- ora tutto questo si è accentuato. Una vergogna, perché oggi le donne possono competere in ogni ambito e rappresentare una risorsa ma bisogna dare loro la possibilità di farlo".

"Per questo -scandisce Boldrini- abbiamo insistito anche con l'intergruppo della Camera per i diritti delle donne per fare in modo che che nel Pnrr ci fosse una particolare attenzione alla condizione professionale femminile, e quindi anche un meccanismo di condizionalità per le aziende che andranno a ricevere denaro circa l'assunzione delle donne". Per la Boldrini "ora abbiamo la possibilità con il Pnrr di poter recuperare".

Il divario uomo-donna è forte anche per quanto riguarda la disparità di trattamento salariale: secondo Eurispes l’Italia è solo 76esima nella classifica mondiale sulla parità salariale (ha perso 6 posizioni rispetto al 2019), e il reddito mensile medio delle donne in Italia è inferiore del 18% rispetto a quello maschile. "La disparità salariale fra uomini e donne che continua ad essere altissima è una profonda vergogna -sottolinea con forza la Boldrini- Le Nazioni Unite lo definiscono il più grande furto della storia ai danni delle donne. E'inaccettabile che a parità di mansione le donne guadagnino di meno dei loro colleghi".

'C'è un tempo in cui bisogna cambiare registro, ed è questo'

Il divario "avviene nelle pieghe -precisa l'ex presidente della Camera, oggi deputata Pd- nelle forme che riguardano i benefit, i dividendi, gli straordinari, ed è un modo per aggirare una parità che non può essere più trascurata. Anche perché il principio di uguaglianza è affermato con forza nell'articolo 3 della Costituzione e le donne non sono più disposte a subire tutto questo".

"Devono capire -conclude la Boldrini- che il tempo è scaduto, che c'è un tempo in cui bisogna cambiare registro, ed è questo. Tutti e tutte dobbiamo fare la nostra parte. Non è una battaglia delle sole donne, è una battaglia di civiltà che deve impegnare tutti, donne e uomini, per l'avanzamento del nostro paese che su questo punto è rimasto al palo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza