cerca CERCA
Martedì 24 Maggio 2022
Aggiornato: 09:23
Temi caldi

Farmaci: Roche, fiduciosa che nostre ragioni saranno riconosciute (2)

25 marzo 2014 | 19.56
LETTURA: 3 minuti

(Adnkronos Salute) - "Come ricordato anche dalla direzione generale della Salute e dei consumatori della Commissione europea nella sua recente nota - ricorda Roche - ogni azienda farmaceutica è tenuta, per legge, alla segnalazione di qualsiasi reazione avversa relativa all'utilizzo di un proprio farmaco, sia esso usato nell'indicazione per cui ha ottenuto l'autorizzazione al commercio, sia nel caso in cui lo si utilizzi fuori indicazione (off-label). Segnalazioni da cui può scaturire una modifica al foglietto illustrativo di un prodotto da parte delle autorità regolatorie competenti, laddove queste ultime riscontrino rischi che debbano essere comunicati agli operatori sanitari, affinché medico e paziente, ove adeguatamente informato, siano consapevoli del rapporto rischio-beneficio di un utilizzo, a maggior ragione se off-label".

"Come sottolineato dalla Commissione Europea - si ricorda - questo è esattamente ciò che è accaduto nel caso di Avastin, quando 'nel luglio 2012, il Comitato per i medicinali per uso umano (Chmp) dell'Ema ha aggiornato le avvertenze speciali dell'Avastin con l'aggiunta di ulteriori informazioni relative all'uso intravitreale non approvato del farmaco'. Pertanto, lungi dall'essere frutto di un presunto accordo o parte di una strategia per creare allarme tra medici e pazienti, le modifiche al foglietto illustrativo di Avastin sono state decise autonomamente ed esclusivamente dalle autorità regolatorie competenti a seguito delle segnalazioni fatte da Roche, a tutela di medici e pazienti, nel rispetto dei suoi obblighi di farmacovigilanza, relativamente agli eventi avversi provocati dall'utilizzo intravitreale ('off-label') di Avastin".

"I contatti con Novartis riportati nel provvedimento dell'Antitrust - ribadisce Roche - non avevano pertanto alcuna natura anti competitiva ma esprimevano la preoccupazione nel constatare che un farmaco studiato, sviluppato, registrato e utilizzato in tutto il mondo per le sue indicazioni in oncologia, potesse venire manipolato, potenzialmente contaminato e comunque impropriamente utilizzato in indicazioni prive di qualsiasi approvazione da parte delle autorità sanitarie mondiali, con potenziali rischi per la sicurezza e la salute stessa dei pazienti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza