Home . Fatti . Cronaca . Strage discoteca, il buttafuori: "Troppa gente"

Strage discoteca, il buttafuori: "Troppa gente"

CRONACA
Strage discoteca, il buttafuori: Troppa gente

(Afp)

Dall'inviata Sara Di Sciullo


"Ho fatto quello che potevo fare nel mio piccolo, ho chiamato i soccorsi, ma per me quello che è accaduto è una sconfitta. Sono molto provato". Un addetto alla sicurezza di 30 anni, che preferisce rimanere anonimo, racconta all'Adnkronos con il "cuore spezzato" e le lacrime agli occhi la tragedia della discoteca 'Lanterna azzurra' di Corinaldo nell'anconetano. "Secondo me c'era troppa gente - afferma - molta di più di quella che conteneva" il locale. I carabinieri stanno effettuando, inoltre, dei controlli sulle uscite di sicurezza.  Insieme ai vigili del fuoco verrà effettuato un sopralluogo per i dovuti accertamenti sulle uscite, che ieri sembravano apparentemente a norma, tenendo anche conto che il locale era autorizzato. 

LO SPRAY AL PEPERONCINO - Intanto è stato individuato il minorenne della provincia di Ancona, indicato come la persona che avrebbe usato lo spray al peperoncino la notte tra venerdì e sabato scorso, salendo su una pedana prima del concerto. Il nome non è ancora stato iscritto sul registro degli indagati, anche perché la procura dei Minori di Ancona procede con molta cautela. Il ragazzo, infatti, non è neanche ancora stato sentito. Secondo le prime informazioni comunque sembra che l'attenzione degli investigatori non sia concentrata su un solo nome ma che sia diretta anche verso altri. Quella dello spray urticante non è, poi, la sola ipotesi al vaglio dei carabinieri. "Alcuni ammettono di aver avuto sensazioni strane alla gola, agli occhi, ma può esserci stata anche una suggestione" dice all'Adnkronos il comandante provinciale dei carabinieri di Ancona Cristian Carrozza. "Noi parliamo di fatti, le ipotesi le lasciamo agli altri", continua spiegando che lo stesso utilizzo dello spray urticante come motivo scatenante del panico che ha portato alla tragedia "non è al momento accertato" e che anche il ritrovamento della bomboletta non è indicativo più di tanto perché potrebbe essere stata persa da qualcuno in fuga dal locale. In mattinata si è svolto un nuovo sopralluogo nel locale dove un tempo si ballava il liscio, una classica balera, che negli anni più recenti era stata trasformata in una discoteca per serate e concerti, indirizzati soprattutto a un pubblico di giovani e giovanissimi. Tra ieri e oggi, inoltre, i carabinieri hanno sentito un centinaio di persone, tra cui anche baristi e addetti alla sicurezza, per tentare di ricostruire l'esatta dinamica degli eventi. Molti hanno riferito di un bruciore alla gola e agli occhi ma nessuno avrebbe fatto riferimento all'uso dello spray. Ancora non sono stati ascoltati invece i tre gestori che, spiegano gli investigatori, saranno sentiti al momento opportuno. Non si esclude che nelle prossime ore saranno iscritti nel registro degli indagati.

I BIGLIETTI VENDUTI - L'altro fronte delle indagini riguarda i gestori della 'Lanterna azzurra', ossia la sicurezza della discoteca: c'erano più persone di quanto consentito? Sono al vaglio dei carabinieri, a quanto apprende l'Adnkronos, i video girati nel locale e si stanno effettuando dei calcoli, anche con l'ausilio di esperti, per capire quante persone fossero presenti la notte della tragedia. I carabinieri lanciano un appello a consegnare tutti i filmati. "Se avete delle immagini inviatecele, più ne abbiamo più potremo indagare in modo più approfondito", fanno sapere i militari, già al lavoro su decine di video acquisiti dalla rete. Al momento sui numeri chi è al lavoro per le indagini non si sbilancia. Il fatto che il numero dei biglietti effettivamente staccati sia inferiore rispetto alle matrici "non è indicativo", spiegano fonti investigative, perché il numero delle matrici dipende dall'ammontare di biglietti di cui ogni venditore ha la disponibilità. Dalle indagini è emerso che sarebbero 680 i biglietti venduti, mentre sono stati 500 quelli staccati. Dagli accertamenti, eseguiti dagli investigatori, è emerso che la capienza della sala dove si sarebbe dovuto svolgere il concerto è di 460 persone. Il locale 'Lanterna Azzurra' comprende anche una sala sotterranea, che però era chiusa, e una sala laterale aperta (della capienza di circa 250 persone), anche se i biglietti venduti erano soltanto per la sala del concerto.

LE CONDIZIONI DEI FERITI - Restano "critiche ma stabili" le condizioni dei sei ragazzi, ricoverati in rianimazione all'ospedale di Ancona. Una 15enne, invece, oggi è uscita dal coma farmacologico. "Mi ha detto: 'mamma dammi la mano, non mi lasciare' e io ho le detto: 'non ti lascio più". "E fatta, è stato un brutto incubo", ha detto la mamma, ricordando gli attimi in cui la ragazza si è svegliata. "Si tratta di pazienti che oltre al trauma - si legge nell'ultimo bollettino medico - hanno subito un periodo più o meno prolungato di asfissia le cui conseguenze andranno valutate nel tempo". "Ciascun paziente segue un protocollo terapeutico diversificato a seconda delle condizioni cliniche e dei suoi specifici bisogni assistenziali". Migliora, anche, l'ottavo ferito. "Al momento le sue condizioni appaiono in netto miglioramento ed è prevista la sua dimissione nelle prossime ore - si legge nel bollettino -. Tutti gli altri codice verde sono stati dimessi, mentre sono stati accolti stamani in pronto soccorso e in fase di valutazione clinica altri due pazienti con lo stesso codice".

LE IPOTESI IN RETE - Fa discutere, infine, sui social la circostanza che Sfera Ebbasta avesse due concerti praticamente in contemporanea la sera della tragedia di Corinaldo: il primo nella discoteca Altromondo Studios di Rimini e il secondo alla Lanterna Azzurra. In particolare, ha suscitato diverse reazioni il video, postato su YouTube da un ragazzo che, spiegando di essere reduce dalla serata alla Lanterna Azzurra, sottolinea come a mezzanotte e dieci, mentre a Corinaldo lo si aspettava già, il rapper fosse ancora nel pieno della sua esibizione in Riviera (a circa un'ora di macchina di distanza). Di qui l'ipotesi, fatta nel video, che il live nell'anconetano fosse una bufala e che l'uso dello spray urticante fosse pianificato per giustificare il mancato arrivo dell'artista. Che il concerto fosse reale, però, lo testimonia la locandina che lo pubblicizza, anche se, in effetti, Sfera a Corinaldo non è mai arrivato: quando si è consumata la tragedia, verso l'una di notte, era in autostrada e, avvisato, è tornato indietro. Anche il marito di Eleonora, madre di quattro figli morta nella tragedia, punta il dito sui ritardi nella serata, sostenendo che la lunga attesa si è tradotta nel fatto che la gran parte dei ragazzi presenti fossero ubriachi.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.