cerca CERCA
Giovedì 11 Agosto 2022
Aggiornato: 12:44
Temi caldi

Alcol: in Italia 17% intossicati in pronto soccorso ha meno di 14 anni

12 maggio 2015 | 15.09
LETTURA: 5 minuti

Drink per 775 mila ragazzini di 11-17 anni nel 2014, al via la campagna del ministero della Salute con una canzone di Elio e le storie tese. Allarme 'mix' alcol con bevande energetiche

alternate text
Elio e le storie tese

Shottini colorati per 'sballarsi' con gli amici e serate che finiscono in pronto soccorso. L'alcol è ormai una calamita per i giovanissimi italiani, tanto che il 17% circa di tutte le intossicazioni alcoliche giunte all’osservazione clinica in un pronto soccorso riguarda ragazzi e ragazze al di sotto dei 14 anni. E sono circa 775.000 i ragazzi tra gli undici e i diciassette anni - dunque al di sotto dell’età minima legale dei 18 - che nel 2014 hanno consumato bevande alcoliche. Sono solo alcuni dei numeri ricordati dal ministero della Salute in occasione del lancio oggi a Roma, insieme a Elio e le storie tese, della Campagna di comunicazione per la lotta all'abuso di alcol 2015.

In media 1 ragazzo su 5 (21,5%) e una ragazza su sei (17,3%) consumano bevande alcoliche. E il 10,5% dei maschi e il 7,9 % delle ragazze bevono lontano dai pasti. La prevalenza più elevata di consumatori tra i giovanissimi si riscontra per i maschi che prediligono la birra seguita da quelli che bevono, nell’ordine, aperitivi alcolici e vino; tra le coetanee invece il record si registra per le consumatrici di aperitivi alcolici e birra. Oltre 1.000.000 sono i giovanissimi che hanno un consumo rischioso di alcol. E "il fenomeno è preoccupante anche perché gli adolescenti - ha ricordato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin - sono fisiologicamente più vulnerabili agli effetti delle bevande alcoliche a causa di una ridotta capacità dell'organismo a metabolizzare l'alcol". E ancora, in Italia i minori che bevono per ubriacarsi sono il 3,3% dei maschi e il 2,2% delle femmine.

Inoltre i risultati dello studio Espad e dell'indagine Multiscopo Istat evidenziano che i ragazzi italiani, rispetto ai giovani di altre nazioni europee, dichiarano di poter acquistare facilmente le bevande alcoliche che vengono poi prevalentemente consumate in discoteca, nei pub, nei luoghi di aggregazione giovanile. E il consumo non moderato da parte dei genitori influenza il comportamento dei figli.

Ma dove si eccede con l'alcol? Gli adulti over 45 lo fanno a casa, al ristorante, in pizzeria mentre per i giovani fino a 24 anni il binge drinking (oltre 6 bicchieri di bevande alcoliche in un arco di tempo ristretto) è più diffuso tra gli amanti delle discoteche.

La campagna del Ministero quest'anno è pensata per i giovani e utilizza linguaggi e codici espressivi tipici dei ragazzi. Sfruttando il web: www.unaserataspeciale.it. E dal momento che "la musica rappresenta un vettore eccezionale per parlare in modo chiaro e diretto ai giovani", il ministero ha scelto il gruppo 'Elio e le storie tese' per rendere "poco affascinante" - nei confronti dei ragazzi - il modello di chi abusa di sostanze alcoliche.

"Ho girato tanti pronto soccorso e ho toccato con mano la drammaticità della situazione - dichiara il ministro - I ragazzi sottovalutano completamente quali siano i rischi che si nascondono in fondo al bicchiere. Per questo ho voluto una campagna di comunicazione molto forte, efficace, con testimonial credibili e non convenzionali. Elio e le Storie Tese hanno saputo raccogliere la sfida, e hanno scritto una canzone fantastica, con un testo divertente e ricco di informazioni. Perché il nostro dovere è quello di dare conoscenza, consapevolezza sugli enormi rischi che un bicchiere può contenere". "Alcol Snaturato (Una serata speciale) è il suggello di questo progetto di respiro nazionale - dichiarano Elio e le Storie Tese - una canzone molto bella, sia a detta di noi stessi, sia del Ministero e sia di coloro che l’hanno ascoltata in anteprima".

La campagna utilizzerà dunque internet con l'obiettivo di "viralizzare" i contributi video sui principali canali social del web. In particolare, l'alleanza tra dicastero della Salute e il gruppo ha portato a una canzone ad hoc, e all'opuscolo informativo 'Alcol snaturato'. Il brano è accompagnato da un videoclip innovativo, con la regia di Gianluca "Calu" Montesano. E' stato girato interamente con la spherical cam, che permette allo spettatore di entrare nel vivo del video guardandolo in tutte le angolazioni possibili a 360 gradi. Con un messaggio chiaro: per una serata speciale con gli amici, meglio la musica che gli effetti 'speciale' di una sbornia e una gita in ambulanza.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza