cerca CERCA
Martedì 05 Luglio 2022
Aggiornato: 09:07
Temi caldi

Lombardia: Sacra Famiglia, bilancio positivo per Hospice Inzago

24 aprile 2014 | 17.31
LETTURA: 3 minuti

Milano, 24 apr. (Adnkronos Salute) - E' attivo da circa 4 mesi e ha già seguito 34 pazienti, con una degenza media di 15 giorni. L'Hospice Sacra Famiglia di Inzago prende in carico sia malati oncologici sia affetti da altre patologie con i requisiti per essere assistiti in cure palliative. La struttura accoglie i pazienti e le loro famiglie tenendo conto non solo dell'aspetto clinico, ma anche culturale, sociale e religioso, spiega la Fondazione Sacra Famiglia. Fondamentale il contributo dei volontari: possono garantire una presenza notturna accanto al malato terminale qualora non abbia i propri cari presenti o quando l'équipe lo ritenga utile.

L'Hospice - ricorda la nota - si trova all'interno di una struttura nella quale già opera dal 2009 una Rsd (Residenza sanitaria assistenziale per persone con disabilità) di cui Sacra Famiglia è l'ente gestore, che ospita 40 persone affette da malattie neurologiche degenerative (sclerosi multipla, sclerosi laterale amiotrofica), esiti di eventi cerebrovascolari, mielolesi. "Sacra Famiglia si è impegnata in questo nuovo progetto per dare risposta a un bisogno sociale emergente, rivolgendo la propria attività anche a situazioni di fragilità rappresentate dal malato terminale", dichiara Roberta Grisetti, medico responsabile Hospice e Rsd Simona Sorge di Inzago.

"Obiettivo fondamentale del nostro operato - prosegue Grisetti – è quello di far sentire ciascun paziente 'persona' fino alla fine. Cerchiamo, infatti, di coinvolgere il malato e la sua famiglia nella scelta del percorso di cura da intraprendere, rispettandone il volere e i tempi. Un'attenzione particolare è poi dedicata alla qualità di vita, agli aspetti psicologici ed emotivi. Ad esempio, nella nostra Rsd viene effettuata, già da tempo, onoterapia e pet therapy". E aggiunge: "Tratto distintivo del nostro Hospice è un attento lavoro d'équipe, per garantire un'assistenza focalizzata sull'unicità della persona, che ponga particolare attenzione al soddisfacimento dei suoi bisogni. Altro punto di forza è l'attività dei volontari, alcuni dei quali si sono resi disponibili a garantire una presenza durante le ore notturne per situazioni particolari". Sacra Famiglia ha organizzato per il volontariato in hospice un corso di formazione, cui hanno preso parte oltre 70 persone, 15 delle quali hanno chiesto di poter essere selezionati come volontari per l'Hospice di Inzago.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza