cerca CERCA
Sabato 21 Maggio 2022
Aggiornato: 16:08
Temi caldi

Marco Prato suicida in cella

20 giugno 2017 | 09.18
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Marco Prato (Foto Fotogramma) - FOTOGRAMMA

Marco Prato, accusato insieme a Manuel Foffo dell'omicidio di Luca Varani, ucciso a marzo 2016 durante un festino a base di sesso e droga a Roma, si è suicidato nel carcere di Velletri dove era detenuto. L'udienza del processo nei suoi confronti era prevista per domani.

Il delitto che sconvolse la Capitale

Prato ''è morto all'interno della sua cella stringendosi un sacchetto della spazzatura nella testa e inalando il gas della bomboletta che legittimamente i detenuti posseggono per cucinarsi e riscaldarsi cibi e bevande", fanno sapere Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo di polizia penitenziaria Sappe, e Maurizio Somma, segretario nazionale Sappe per il Lazio.

La Procura di Velletri che indaga sulla morte di Prato procede per istigazione al suicidio. L'indagine contro ignoti è coordinata dal procuratore Francesco Prete. Si dovrà verificare anche se il suo stato di detenzione fosse compatibile con le sue condizioni psicofisiche.

Il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha chiesto al Dap, il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria, un rapporto dettagliato sul suicidio di Marco Prato per verificare il rispetto del protocollo di prevenzione dei suicidi.

Prato aveva tentato di togliersi la vita almeno altre tre volte. I primi due tentativi nel 2011 e il terzo nel marzo del 2016, qualche ora dopo l'omicidio di Varani.

"Una vita è una vita. Sono scioccata per quanto accaduto", ha scritto su Fb Marta Gaia Sebastiani, la ragazza legata da una lunga relazione a Luca Varani.

Le lacrime della madre di Luca Varani

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza