cerca CERCA
Venerdì 28 Gennaio 2022
Aggiornato: 07:49
Temi caldi

Pensioni, paper Fmi: Covid ha messo conti sotto pressione, no uscite anticipate

11 ottobre 2021 | 19.49
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Palazzo Chigi, sede del Governo italiano (Roma - 2021-01-28, Luigi Mistrulli) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

Il Covid ha messo a dura prova i conti pubblici delle economie europee, è quindi necessario assicurare sistemi pensionistici sostenibili e "incoraggiare" la permanenza al lavoro. Il messaggio contenuto in un paper del Fondo monetario internazionale sulle riforme pensionisti in Europa suona in linea con l'intenzione del governo di riporre in soffitta lo schema di anticipo pensionistico Quota 100 introdotto dalla Lega negli anni di governo con il M5S.

"Le misure per incoraggiare il pensionamento tardivo e gli strumenti per integrare i regimi pubblici - si legge nell'analisi del Fmi - possono sostenere l'adeguatezza delle pensioni" in linea con le esigenze del debito. La crisi del Covid, prosegue lo studio redatto dal dipartimento Affari europei del Fondo - potrebbe richiedere maggiori sforzi alle future riforme pensionistiche". E questo perché "la crisi ha contribuito a un'ondata di aumento del debito pubblico, seppur ammortizzato da tassi di interesse più bassi" ma "i costi della crisi sono pesati in gran parte sulle spalle delle generazioni più giovani, anche in termini di cicatrici e perdite di capitale umano".

I governi, si ammonisce, "dovranno quindi rafforzare la resilienza delle economie e dei sistemi di sicurezza sociale in particolare contro shock futuri", rafforzando "la necessità di garantire equità, equità, e sistemi pensionistici sostenibili nel mondo post-Covid-19 ".

In generale in Europa servono dunque "ulteriori sforzi per assicurare la sostenibilità di lungo termine dei sistemi pensionistici". Le riforme attuate negli ultimi decenni hanno innalzato l'età pensionabile ma ad ogni modo in molti paesi si prevede che "la spesa pensionistica e il deficit aumenteranno e rimanere a livelli elevati per i decenni a venire, alimentati dall'invecchiamento della popolazione". Inoltre la maggior parte dei sistemi pensionistici dipendono da rilevanti trasferimenti statali il che erode risorse necessarie per gli interventi per un'economica più sostenibile a livello ambientale e più inclusiva.

Gli economisti del Fondo puntano poi l'indice contro i divari intergenerazionali. "Rispetto agli attuali pensionati, le generazioni future accederanno alle pensioni pubbliche più avanti nella vita e riceveranno benefici inferiori", alimentando differenze che possono mettere sotto pressione sulla sostenibilità a lungo termine delle finanze.

Affrontare "i rischi futuri richiede riforme per garantire la sostenibilità e l'equità tra le generazioni " affrontando gli squilibri con una ripartizione più equa degli oneri tra generazioni. "Riforme che fanno appello a principi condivisi di equità insieme ad una maggiore alfabetizzazione finanziaria possono essere socialmente e politicamente più appetibili", concludono gli economisti del Fmi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza